dal dottore

Tutto su micosi genitale: il consiglio del ginecologo

Il consiglio del dott. Gregory Akerman, ginecologo-ostetrico.

Quali sono i segni tipici della micosi?
Bruciore e ustioni vulvare e vaginali, perdite chiamate leucorrea, aspetto simile alla cagliata. Il fungo è un'infezione puramente locale, quindi non vi è alcun rischio di diffusione ad altri organi del tratto genitale quali le tube di Falloppio, l'utero o le ovaie. Devi sapere che un fungo non causa mai la febbre.

Sono più frequenti in certi punti del ciclo o nella vita delle donne?

C'è poca influenza del ciclo ormonale sulla presenza di micosi nella donna in premenopausa. Il fungo responsabile di questa infezione è presente nello stato normale della vulva e della vagina in piccolissime quantità. La sua proliferazione dipende principalmente dai cambiamenti nell'ambiente vulvare e vaginale, in particolare il pH (acidità). Quindi, al momento delle mestruazioni, essendo l'ambiente vaginale più alcalino, c'è meno rischio di insorgenza di una micosi.

La gravidanza disturba anche la composizione dell'ambiente vulvare e vaginale (flora vaginale) e può favorire lo sviluppo di micosi permettendo al fungo di crescere.

D'altra parte, al momento della menopausa, la mancanza di estrogeni provoca una alcalinizzazione della vulva e dell'ambiente vaginale, non molto favorevole alla comparsa di micosi.

Come si può spiegare la ricorrenza di micosi?

Con due meccanismi:

> Il / i partner / i è a sua volta carico di una micosi (spesso meno apparente e sintomatica rispetto alle donne, e particolarmente raro) e trasmette i funghi durante i rapporti sessuali.

> Il più delle volte, il paziente trascura o ignora un "fattore promotore" responsabile della proliferazione del fungo, presente nello stato normale, in una quantità molto piccola nella composizione vulvare e vaginale.

Il medico cercherà questi possibili fattori che favoriscono la comparsa di micosi, come un'eccessiva igiene (irrigazione) ... o comunque insufficiente. Vestiti troppo stretti, o indumenti intimi sintetici, che assumono antibiotici ... che potrebbero, nello specifico, essere un motivo per la proliferazione del fungo.

Trattamento della micosi genitale

Come trattare una micosi recidivante?

Prima c'è il trattamento della fase acuta della micosi, con uova vaginali e una crema antifungina. Quindi, nel caso di recidive di micosi fastidiose e veramente invalidanti, possiamo usare i pro-biotici (microrganismi). Questi aiutano a ripristinare o mantenere l'equilibrio della flora vaginale normalmente composta per il 95% dei bacilli di Doderlein, i batteri che proteggono la vulva e la vagina (i funghi sono presenti nello stato normale molto basso). quantità), evitando così che i funghi proliferano in modo anomalo. Questi trattamenti sono, per la maggior parte, da prendere per via orale.

Cause e prevenzione, regole di igiene e trattamenti ... Sai cosa è necessario sulla micosi genitale per proteggersi? Fai il nostro quiz per scoprirlo!

Possiamo trattare senza consulenza medica per una micosi prendendo le uova precedentemente prescritte?

In generale, non fare l'automedicazione. Esistono altre vulvovaginiti distinte dalle infezioni fungine (sebbene queste siano le più comuni) per le quali i trattamenti anti-micotici sarebbero assolutamente inefficaci.

Solo il tuo ginecologo può fare una diagnosi accurata. Inoltre, i trattamenti anti-micotici possono essere ottenuti solo in farmacia su prescrizione medica.

Ma è vero che alcuni pazienti, soggetti a infezioni fungine, sanno riconoscere i sintomi. Nel contesto di un rapporto di fiducia tra il ginecologo e il suo paziente, può emettere un ordine in anticipo.

Il partner deve essere trattato?

Non durante un primo episodio di micosi. In caso di recidiva o non-efficacia del trattamento, è possibile proporre un trattamento al partner.

Fonti e note:
> The Grand Book of Gynecology, National College of Gynecologists-Obstetricians, Eyrolles, 2012.

Messaggi Popolari

Categoria dal dottore, Articolo Successivo

Emoglobina glicata - HbA1c - dal dottore
dal dottore

Emoglobina glicata - HbA1c

L'emoglobina glicata è anche chiamata emoglobina glicosilata, o Hb1Ac. Dietro questi nomi e la registrazione barbarica, si trova il modo migliore per monitorare il suo zucchero nel sangue, il suo equilibrio glicemico, per un periodo di diversi mesi. Tre mesi, esattamente. È grazie all'emoglobina glicata che si può - quando si soffre di diabete - valutare l'efficacia dei trattamenti e correggerli, adattarli secondo necessità. Al
Per Saperne Di Più
L'esame del sangue - dal dottore
dal dottore

L'esame del sangue

Un esame del sangue consente di misurare e analizzare i composti presenti nel sangue. A volte è necessario eseguire questo esame del sangue a stomaco vuoto. Cosa può essere misurato in un esame del sangue? cellule Le cellule normalmente presenti nel sangue possono essere analizzate. Calcoleremo il loro numero: globuli rossi, globuli bianchi, piastrine.
Per Saperne Di Più
Isterectomia: il progresso dell'operazione - dal dottore
dal dottore

Isterectomia: il progresso dell'operazione

Hyestérectomie: il corso dell'operazione. Nella stragrande maggioranza dei casi, quando c'è il sospetto di cancro, il chirurgo dovrà "aprirsi". In altre parole, il chirurgo fa un'incisione nell'addome di alcuni centimetri. Ma se non c'è il sospetto di cancro e l'utero è piccolo, può passare attraverso la vagina (dopo laparoscopia). La d
Per Saperne Di Più
Igiene intima: cosa fare se si graffia? - dal dottore
dal dottore

Igiene intima: cosa fare se si graffia?

A seguito dell'intervista della Dott.ssa Anne de Kervasdoué, ginecologa. Quando si gratta, che cos'è? Dr. Anne de Kervasdoué: Quando si gratta, il più delle volte, è che c'è una micosi. Il fungo è la proliferazione di un fungo che si sviluppa. Il più delle volte un fungo della famiglia dei lieviti. Perché
Per Saperne Di Più