PIPERACILLIN PANPHARMA 1 g polvere per soluzione iniettabile (IM-IV) Scatola con 1 flaconcino da 1 g

Farmaco generico della classe terapeutica: Infectiology - Parasitology
principi attivi: Piperacillina
laboratorio: Panpharma

Polvere per soluzione iniettabile (IM-IV)
Tutte le forme

indicazione

Derivano dall'attività antibatterica e dalle caratteristiche farmacocinetiche della piperacillina. Prendono in considerazione sia gli studi clinici che hanno portato alla droga e il suo posto nella gamma di prodotti antibatterici attualmente disponibili.

Sono limitati a infezioni gravi dovute ai germi definiti come sensibili, specialmente nelle loro manifestazioni setticemiche ed endocarditiche, respiratorie, renali e uro-genitali, ginecologiche, digestive e biliare, meningee, ossee.

Devono essere prese in considerazione raccomandazioni ufficiali sull'uso appropriato degli antibatterici.

Dosaggio PIPERACILLINE PANPHARMA 1 g Polvere per soluzione iniettabile (IM-IV) Scatola con 1 flaconcino da 1 g

Percorso iniettabile (IM-IV).

Modalità di amministrazione

La somministrazione è tramite iniezione endovenosa diretta (3-5 minuti) o mediante infusione venosa della durata di 30 minuti e oltre.

Ogni grammo di piperacillina viene ricostituito almeno con 2 ml di acqua per preparazioni iniettabili: questa soluzione viene iniettata direttamente o diluita in una soluzione per infusione venosa.

La forma endovenosa può essere somministrata, in alcuni casi, per via intramuscolare con una soluzione acquosa di lidocaina cloridrato (da 0, 5 a 1%) ad una velocità di 2 ml per grammo di piperacillina senza mai superare i 2 g di piperacillina dal sito di iniezione intramuscolare.

dosaggio

Adulti: il dosaggio medio è di 200 mg / kg / giorno (cioè 12 g al giorno per un adulto di mezza età), in 3 o 4 iniezioni.

Bambini: la dose media è di 200 mg / kg / die, può raggiungere i 300 mg / kg / die nei casi più gravi, in particolare la fibrosi cistica.

Pazienti con insufficienza renale: la regolazione del dosaggio si basa sulla clearance della creatinina:

Clearance della creatinina (ml / min)

Infezioni senza sepsi

Infezioni con sepsi

20-40

9 g / giorno
(3 gx 8 ore)

12 g / giorno
(4 gx 8 ore)

<20

6 g / giorno
(3g x 12h)

8 g / giorno
(4g x 12h)

Durante l'emodialisi, la dose massima giornaliera è di 6 g / die (2 g x 8 h), aggiungere 1 g di piperacillina dopo ogni dialisi.

Durante la dialisi peritoneale ambulatoriale continua, il dosaggio di piperacillina è di 1 g per sacco da 2 litri rinnovato ogni 6 ore.

Contro indicazioni

· Allergia agli antibiotici nel gruppo delle penicilline, tenere conto del rischio di reattività crociata con antibiotici nel gruppo delle cefalosporine.

· Mononucleosi infettiva (aumento del rischio di fenomeni cutanei).

Effetti collaterali Piperacillina Panpharma

· Manifestazioni allergiche, tra cui: orticaria, eosinofilia, angioedema, difficoltà a respirare, shock eccezionalmente anafilattico.

· Eruzione maculopapulare di origine allergica o meno.

· Manifestazioni digestive: nausea, vomito, diarrea, candidosi.

· Elevazione moderata e transitoria delle transaminasi.

· Nefrite interstiziale acuta.

· Anemia, leucopenia, trombocitopenia reversibile.

· La somministrazione di alte dosi di beta-lattamici, specialmente in pazienti con insufficienza renale, può portare a encefalopatie (disturbi della coscienza, movimenti anormali, convulsioni).

Segnalazione di sospette reazioni avverse

La segnalazione di sospette reazioni avverse dopo l'autorizzazione del farmaco è importante. Permette il monitoraggio continuo del rapporto rischio / beneficio del farmaco. Gli operatori sanitari devono segnalare qualsiasi reazione avversa sospetta tramite il sistema nazionale di segnalazione: Agenzia nazionale per la sicurezza dei medicinali e prodotti sanitari (Ansm) e la rete di centri regionali di farmacovigilanza. Sito Web: www.ansm.sante.fr.

Messaggi Popolari