PILOCARPINE FAURE 1%

Farmaco generico della classe terapeutica: Oftalmologia
Principi attivi: pilocarpina
laboratorio: Europhta

Collirio in soluzione
Scatola da 100 contenitori monodose da 0, 4 ml
Tutte le forme

indicazione

Questo collirio è indicato:
- ridurre l'elevata pressione intraoculare in caso di:
. glaucoma cronico ad angolo aperto,
. attacchi acuti di glaucoma chiudendo l'angolo. - per la diagnosi delle cause della midriasi.

Dosaggio PILOCARPINE FAURE 1% Collirio in soluzione Scatola da 100 contenitori monodose da 0, 4 ml

Via oftalmica.
Lavarsi accuratamente le mani prima dell'instillazione.
Evitare il contatto della punta con l'occhio o le palpebre.
Instillazione oculare in base alla pressione sanguigna e al tipo di glaucoma. Una singola goccia è sufficiente per ogni instillazione.
Nel glaucoma cronico ad angolo aperto: da 3 a 4 volte al giorno.
Instillare 1 goccia di collirio nel cul-de-sac congiuntivale dell'occhio da trattare tirando delicatamente la palpebra inferiore verso il basso e guardando verso l'alto.
Eliminare una dose singola dopo l'uso. Non tenerlo per la successiva amministrazione.

Contro indicazioni

CONTRA-INDICARE:
- Ipersensibilità ad uno dei costituenti dei colliri.
- Condizioni in cui la miosi non è desiderabile (iridocicliti).
NON RACCOMANDATO:
- Generalmente questo farmaco non deve essere usato durante la gravidanza: gli studi su animali hanno mostrato un effetto teratogeno. Non ci sono attualmente dati di rilevanza sufficiente per valutare l'eventuale effetto malformativo o fetotossico della pilocarpina quando somministrato durante la gravidanza. Di conseguenza, l'uso di pilocarpina non è raccomandato durante la gravidanza.
- Allattamento: il passaggio di questo medicinale nel latte materno non è noto. A causa delle sue proprietà colinergiche che possono influenzare il bambino, l'allattamento al seno deve essere evitato.

Effetti collaterali Pilocarpine Faure

Oculari :
Possibilità di:
- spasmo muscolare ciliare, iperemia congiuntivale / vasodilatazione, aumento della secrezione lacrimale,
- miosi, difficoltà di adattamento all'oscurità (diminuzione dell'acuità visiva in condizioni di scarsa illuminazione, soprattutto nei pazienti anziani e nei pazienti con opacità cristalline),
- modifica del campo visivo,
- distacco della retina (soprattutto nei pazienti miopi giovani),
- opacità cristalline durante l'uso prolungato di pilocarpina.

Messaggi Popolari