Fobia della scuola: la fobia della scuola secondaria

Fobia della scuola secondaria a un evento traumatico
A volte la fobia della scuola può essere secondaria a uno (o più) evento traumatico che si verifica sul terreno o sulla via della scuola.

Può essere questione di bullismo da parte di altri compagni, fisici, finanziari o psicologici. Un bambino vittima del racket, o designato come capro espiatorio della classe, può sviluppare una vera scuola di fobia.

Quando un tale evento è vissuto dal bambino come serio o minaccioso, il bambino può sviluppare un disturbo d'ansia post-traumatico alcuni giorni o settimane dopo l'incidente.
Questo disturbo è riconosciuto dai ricordi invasori dell'evento, che sono imposti al bambino sotto forma di flashback e incubi molto angoscianti.
E qualsiasi situazione che ricordi questo evento è evitata o vissuta con grande preoccupazione.
Questo può essere vero per la scuola se l'evento traumatico si è svolto nell'ambiente scolastico o sul percorso che conduce ad esso.

Fobia scolastica secondaria al disturbo depressivo
La perdita di curiosità, la fatica, la tristezza, il rallentamento psicomotorio sono tutte ragioni per cui un bambino (o adolescente) è depresso e non vuole andare a scuola o non investire nel lavoro scolastico.

Fobia scolastica secondaria ad altre malattie
Che si tratti di affaticamento, malattie croniche (come il diabete), obesità o anoressia nervosa, l'investimento scolastico può essere compromesso.

Ad esempio, una ragazza diabetica può vergognarsi di controllare i suoi zuccheri nel sangue più volte al giorno di fronte ai suoi compagni, e l'adolescente anoressica può avere paura degli sguardi altrui sul suo appetito lillipuziano.

Rhizartrosi (osteoartrosi del pollice): le cause Articolo Precedente

Rhizartrosi (osteoartrosi del pollice): le cause

Emocromatosi: trattamenti Articolo Precedente

Emocromatosi: trattamenti

Messaggi Popolari