Fobia: trattamenti

I trattamenti per le fobie possono essere diversi, ma sono certamente le terapie comportamentali che oggi rappresentano il trattamento principale.

Terapie cognitivo-comportamentali (CBT)

Queste terapie sono attualmente offerte come trattamento di prima linea per le fobie lievi. Sono brevi e il programma è prestabilito tra il terapeuta cognitivo-comportamentale e il paziente.

In primo luogo, il paziente e il terapeuta stabiliscono un elenco gerarchico di fobie (dal più grave al più grave). Quindi, il soggetto immagina le situazioni angoscianti secondo una progressione prestabilita e impara allo stesso tempo a rilassarsi. Il paziente viene poi progressivamente confrontato con le sue paure nella realtà (progressiva desensibilizzazione).

Il posto della psicoanalisi

La psicoanalisi è un'ottima indicazione se il paziente lo richiede. Può essere fatto in aggiunta a una CBT per capire perché siamo diventati fobici.

Trattamenti farmacologici

I trattamenti farmacologici sono indicati nei seguenti casi:

- Quando gli attacchi d'ansia sono frequenti e invalidanti, possiamo prescrivere ansiolitici. La semplice presenza "contraffobica" di uno di questi farmaci su di sé a volte è sufficiente a ridurre l'ansia di un agorafolo in un luogo pubblico.

- Alcuni tipi di antidepressivi possono essere efficaci (specialmente per le fobie sociali).

Questi farmaci possono essere associati alla terapia cognitivo-comportamentale.

Vuoi reagire, dare la tua testimonianza o fare una domanda? Appuntamento nella nostra FORUM psicologia, stress e angoscia o un medico ti risponde!

Per leggere anche:

> Quale psicoterapia scegliere?
> Terapia comportamentale: cos'è?
> Uscire da una depressione
> Disturbo bipolare
> Superare fobie e disturbi d'ansia

preeclampsia Articolo Precedente

preeclampsia

Ciclotimia: i sintomi Articolo Precedente

Ciclotimia: i sintomi

Messaggi Popolari