Feocromocitoma: trattamenti

Il trattamento di un feocromocitoma si basa principalmente su un'operazione chirurgica, vale a dire sull'asportazione del tumore.

Durante la procedura, il feocromocitoma viene posto in una borsa in modo da non diffondere le cellule tumorali agli altri organi. Questa operazione deve essere eseguita da un team addestrato a causa dell'ipervascolarizzazione del tumore e dell'instabilità della pressione sanguigna. Scosse elettriche o cadute di pressione sanguigna possono effettivamente verificarsi durante l'operazione e comprometterne il successo. Se l'operazione non è ben condotta, può portare a recidiva o addirittura a pericolo di vita.

Da dieci a quindici giorni prima dell'operazione, il paziente esegue un trattamento basato su alfa-bloccanti che bloccherà gli effetti della secrezione ormonale e stabilizzerà la pressione sanguigna.

Nella maggior parte dei casi, la chirurgia rimuove l'intero tumore e sopprime i sintomi. Nelle forme maligne, la chirurgia sarà completata da altri trattamenti: chemioterapia, radioterapia ...

Seguito. Una prima volta, da tre a sei mesi dopo l'intervento. Il controllo si basa su un esame del sangue (valutazione biologica) e la risonanza magnetica, o anche un esame di medicina nucleare (scintigrafia), rinnovato a un anno e cinque anni.

Se il feocromocitoma supera una certa dimensione, viene effettuato un controllo a un anno, poi ogni anno per cinque anni, ogni due anni per dieci anni e infine ogni cinque anni. A causa del rischio di recidiva e malignità nelle forme familiari, il paziente verrà seguito per tutta la vita.

La maggior parte dei casi di feocromocitoma è gestita dalla rete INCA COMETE dove i pazienti possono trovare un centro di riferimento: 3 centri di esperti nazionali (Ospedale Cochin, Istituto Gustave Roussy e Ospedale Europeo Georges Pompidou), 32 centri esperti regionali e 3 centri associati per l'Oltremare.

Vuoi reagire, dare la tua testimonianza o fare una domanda? Appuntamento nei nostri FORUM Cancro o Un medico ti risponde !

Per leggere anche:

> Limitare gli effetti collaterali della chemioterapia
> Radioterapia: limitazione degli effetti collaterali
> Cancro: i veri fattori di rischio

Malaria: sintomi Articolo Precedente

Malaria: sintomi

polio Articolo Precedente

polio

Messaggi Popolari