PERINDOPRIL TOSILATO / INDAPAMIDE TEVA 2,5 mg / 0625 mg

Farmaco generico da Preterax
Classe terapeutica: cardiologia e angiologia
principi attivi: perindopril + indapamide
laboratorio: Teva Sante

Compressa rivestita con film
bottiglia di 30
Tutte le forme

indicazione

Ipertensione essenziale

Dosaggio PERINDOPRIL TOSILATE / INDAPAMIDE TEVA 2, 5 mg / 0625 mg flaconcino per compressa rivestito con film di 30

Ipertensione essenziale

Contro indicazioni

In relazione al perindopril:

· Ipersensibilità al perindopril o ad altri inibitori dell'enzima di conversione dell'angiotensina (CEI),

· Storia dell'angioedema (edema di Quincke) relativo alla precedente impostazione di un IEC,

· Angioedema ereditario o idiopatico,

· Secondo e terzo trimestre di gravidanza (vedere sezioni Avvertenze e precauzioni d'impiego e Gravidanza e allattamento ),

· La combinazione di PERINDOPRIL TOSILATE / INDAPAMIDE TEVA con medicinali contenenti aliskiren è controindicata in pazienti con diabete o carenza (GFR [Glomerular Filtration Rate] <60 ml / min / 1, 73 m 2 ) (vedere sezioni Interazioni con altri medicinali e altre forme di interazione e proprietà farmacodinamiche ).

Collegato a indapamide:

· Ipersensibilità all'indapamide o ad altre sulfonamidi,

· Insufficienza renale grave (clearance della creatinina <30 ml / min),

· Encefalopatia epatica,

· Insufficienza epatica grave,

· Ipokaliemia

· Di norma, questo medicinale non è raccomandato se usato con medicinali non antiaritmici che possono causare torsioni di punta (vedere la sezione Interazioni con altri medicinali e altre forme di interazione ),

· Allattamento al seno (vedere la sezione sulla gravidanza e l'allattamento ).

Relativo a PERINDOPRIL TOSILATO / INDAPAMIDE TEVA 2, 5 mg / 0, 625 mg, compressa rivestita con film:

· Ipersensibilità ad uno qualsiasi degli eccipienti elencati in Composizione .

A causa di dati terapeutici insufficienti, PERINDOPRIL TOSILATE / INDAPAMIDE TEVA non deve essere usato in:

· Pazienti in dialisi,

· Pazienti con insufficienza cardiaca scompensata non trattata.

Effetti avversi Perindopril Tosilate / inda Teva

La somministrazione di Perindopril inibisce l'asse renina-angiotensina-aldosterone e tende a ridurre la perdita di potassio causata dall'indapamide. Il 2% dei pazienti trattati con perindopril / indapamide ha manifestato ipokaliemia (livello di potassio <3, 4 mmol / l).

I seguenti effetti avversi potrebbero essere osservati durante il trattamento e classificati secondo le seguenti frequenze:

Molto comune (≥ 1/10) Frequente (da ≥ 1/100 a <1/10); Non comune (da ≥ 1/1000 a <1/100); Raro (da ≥1 / 10.000 a <1/1000); Molto raro (<1 / 10.000), non noto (non può essere stimato dai dati disponibili).

Patologie del sistema emolinfopoietico

Molto raro: trombocitopenia, leucopenia / neutropenia, agranulocitosi, anemia aplastica, anemia emolitica.

Anemia (vedi sezione Avvertenze e precauzioni ) è stata riportata con inibitori dell'enzima di conversione dell'angiotensina in siti specifici (trapianto di rene, emodialisi).

Disturbi psichiatrici

Non comune: disturbi dell'umore o del sonno.

Disturbi del sistema nervoso

Frequenti: parestesia, mal di testa, astenia, capogiri, vertigini.

Molto raro: confusione.

Non noto: sincope

Disturbi dell'occhio

Comune: disturbi della vista.

Affetti dell'orecchio e labirinto

Comune: tinnito.

Disturbi vascolari

Comune: ipotensione ortostatica o meno (vedere la sezione Avvertenze e precauzioni per l'uso ).

Condizioni cardiache

Molto rari: aritmia, inclusi bradicardia, tachicardia ventricolare, fibrillazione atriale, angina pectoris e infarto del miocardio, possibilmente secondaria all'ipotensione eccessiva nei pazienti ad alto rischio (vedere la sezione Avvertenze e precauzioni per l'uso ).

Non nota: torsione di punta (potenzialmente fatale) (vedere Avvertenze e precauzioni per l'uso e Interazioni con altri medicinali e altre forme di interazione ).

Patologie respiratorie, toraciche e mediastiniche

Comune: è stata riportata una tosse secca con l'uso di inibitori dell'enzima di conversione dell'angiotensina. È caratterizzato dalla sua persistenza, così come dalla sua scomparsa alla fine del trattamento. L'eziologia iatrogena deve essere considerata in presenza di questo sintomo. Dispnea.

Non comune: broncospasmo.

Molto raro: polmonite eosinofila, rinite.

Disturbi gastrointestinali

Comune: stitichezza, secchezza delle fauci, nausea, dolore epigastrico, anoressia, vomito, dolore addominale, disgeusia, dispepsia, diarrea.

Molto raro: pancreatite.

Disturbi epatici e biliari

Molto raro: epatite citolitica o colestatica (vedere avvertenze e precauzioni per l'uso ).

Non noto: in caso di insufficienza epatica, è possibile l'insorgenza di encefalopatia epatica (vedere paragrafi Controindicazioni e avvertenze e precauzioni d'impiego ).

Patologie della cute e del tessuto sottocutaneo

Comune: eruzione cutanea, prurito, eruzioni maculopapulari.

Non comune:

· Angioedema del viso, delle estremità, delle labbra, delle mucose, della lingua, della glottide e / o della laringe, orticaria (vedere la sezione Avvertenze e precauzioni per l'uso ).

· Reazioni di ipersensibilità, principalmente dermatologiche, in soggetti predisposti a reazioni allergiche o asmatiche.

· Porpora., Possibile aggravamento del lupus eritematoso sistemico preesistente.

Molto raro: Eritema multiforme, sindrome di Lyell, sindrome di Steven Johnson.

Sono stati segnalati casi di fotosensibilità (vedere la sezione Avvertenze e precauzioni per l'uso ).

Disturbi muscolari, del tessuto connettivo e delle ossa

Comune: crampi muscolari.

Disturbi renali e urinari

Non comune: insufficienza renale.

Molto raro: insufficienza renale acuta.

Disturbi degli organi riproduttivi e del seno

Non comune: impotenza.

Affezioni generali e amministrative del sito

Frequenti: astenia

Non comune: sudorazione.

indagini

Non noto:

· Prolungamento dell'intervallo QT dell'elettrocardiogramma (vedere le sezioni Avvertenze e precauzioni e interazioni con altri medicinali e altre forme di interazione ).

· Elevazione della glicemia e dell'urica sierica durante il trattamento.

· Aumento moderato dell'urea plasmatica e della creatinina, reversibile con l'interruzione del trattamento. Questo aumento è più frequente nei casi di stenosi dell'arteria renale, ipertensione trattata con diuretici e insufficienza renale.

· Livelli elevati di enzimi epatici.

Disturbi del metabolismo e della nutrizione

Raro: ipercalcemia.

Non noto:

· Deplezione di potassio con ipopotassiemia, particolarmente grave in alcune popolazioni a rischio (vedere la sezione Avvertenze e precauzioni per l'uso ).

· Elevazione dei livelli plasmatici di potassio, generalmente transitori.

· Iponatriemia con ipovolemia che porta a disidratazione e ipotensione ortostatica.

Segnalazione di sospette reazioni avverse

La segnalazione di sospette reazioni avverse dopo l'autorizzazione del farmaco è importante. Permette il monitoraggio continuo del rapporto rischio / beneficio del farmaco. Gli operatori sanitari dichiarano qualsiasi reazione avversa sospetta tramite il sistema nazionale di segnalazione: Agenzia nazionale per la sicurezza dei medicinali e prodotti sanitari (ANSM) e la rete dei centri regionali di farmacovigilanza - Sito web: www.ansm.sante.fr.

Messaggi Popolari