PERINDOPRIL / INDAPAMIDE TEVA 2 mg / 0,625 mg

Farmaco generico da Preterax
Classe terapeutica: cardiologia e angiologia
principi attivi: perindopril, indapamide
laboratorio: Teva Sante

tavoletta
Scatola di 90
Tutte le forme

indicazione

Ipertensione essenziale

DOSAGGIO PERINDOPRIL / INDAPAMIDE TEVA 2 mg / 0, 625 mg Tablet Box da 90

Via orale

La dose abituale è una compressa di PERINDOPRIL / INDAPAMIDE TEVA 2 mg / 0, 625 mg al giorno, tutto in una volta, preferibilmente la mattina prima del pasto. In caso di mancanza di controllo della pressione arteriosa dopo un mese di trattamento, il dosaggio può essere raddoppiato.

Anziani (vedere la sezione Avvertenze e precauzioni )

Il trattamento deve essere iniziato alla dose abituale di una compressa PERINDOPRIL / INDAPAMIDE TEVA 2 mg / 0, 625 mg al giorno.

Pazienti con insufficienza renale (vedere la sezione Avvertenze e precauzioni )

Il trattamento è controindicato in caso di insufficienza renale grave (clearance della creatinina <30 ml / min).

Nei pazienti con insufficienza renale moderata (clearance della creatinina 30-60 ml / min), il dosaggio massimo deve essere una compressa PERINDOPRIL / INDAPAMIDE TEVA 2 mg / 0, 625 mg al giorno.

Nei pazienti con clearance della creatinina superiore o uguale a 60 ml / min, non è richiesto alcun aggiustamento della dose.

Il monitoraggio di routine include il monitoraggio periodico della creatinina e del potassio.

Pazienti con insufficienza epatica (vedere paragrafo 4.3) Controindicazioni, avvertenze e precauzioni d'impiego e proprietà farmacocinetiche

Il trattamento è controindicato nei pazienti con grave insufficienza epatica.

Nei pazienti con insufficienza epatica moderata non è richiesto alcun aggiustamento della dose.

Bambino e adolescente

PERINDOPRIL / INDAPAMIDE Le compresse di TEVA 2 mg / 0, 625 mg non devono essere utilizzate nei bambini e negli adolescenti poiché l'efficacia e la sicurezza del perindopril nei bambini e negli adolescenti, da soli o in associazione, non sono state non stabilito.

Contro indicazioni

In relazione al perindopril:

Ipersensibilità al perindopril o qualsiasi altro inibitore dell'enzima di conversione,

· Angioedema (angioedema) associato all'uso di un inibitore dell'enzima di conversione dell'angiotensina,

· Angioedema ereditario o idiopatico,

· Secondo e terzo trimestre di gravidanza (vedere sezioni Avvertenze e precauzioni per l'uso e Gravidanza e allattamento ).

Collegato a indapamide:

· Ipersensibilità all'indapamide o a qualsiasi altra sulfonamide;

· Insufficienza renale grave (clearance della creatinina <30 ml / min);

· Encefalopatia epatica;

· Insufficienza epatica grave;

· Ipokaliemia;

· Come regola generale, questo medicinale non deve essere usato in combinazione con farmaci non antiaritmici che possono causare torsioni di punta (vedere paragrafo 4.5 ).

· Allattamento al seno (vedere la sezione sulla gravidanza e l'allattamento ).

Relativo al tablet PERINDOPRIL / INDAPAMIDE TEVA:

Ipersensibilità ad uno qualsiasi degli eccipienti

A causa della mancanza di ricorrenza terapeutica, le compresse PERINDOPRIL / INDAPAMIDE TEVA 2 mg / 0, 625 mg non devono essere utilizzate in:

· Pazienti in dialisi,

· Pazienti con insufficienza cardiaca scompensata non trattata.

Effetti collaterali di Perindopril / Indapamide Teva

La somministrazione di perindopril inibisce l'asse renina-angiotensina-aldosterone e tende a ridurre la perdita di potassio causata dall'indapamide. Il 2% dei pazienti trattati con PERINDOPRIL / INDAPAMIDE TEVA 2 mg / 0, 625 mg ha manifestato ipokaliemia (livello di potassio <3, 4 mmol / l).

I seguenti effetti avversi potrebbero essere osservati durante il trattamento e classificati secondo le seguenti frequenze:

Molto comune (³ 1/10)

Frequente (da ³ 1/100 a <1/10)

Non comune (da 1/1000 a <1/100)

Raro (da 1/10 000 a <1/1000)

Molto raro (<1 / 10.000), sconosciuto (non può essere stimato dai dati disponibili).

Patologie del sistema emolinfopoietico:

Molto raro: trombocitopenia, leucopenia / neutropenia, agranulocitosi, anemia aplastica, anemia emolitica.

Anemia (vedi sezione Avvertenze e precauzioni ) è stata riportata con inibitori dell'enzima di conversione dell'angiotensina in siti specifici (trapianto di rene, emodialisi).

Disturbi psichiatrici:

Non comune: disturbi dell'umore o del sonno.

Molto raro: confusione.

Patologie del sistema nervoso:

Comune: parestesia, mal di testa, vertigini, vertigini.

Disturbi dell'occhio:

Comune: disturbi della vista.

Disturbi dell'orecchio e del labirinto:

Comune: tinnito.

Disturbi vascolari:

Comune: ipotensione ortostatica o meno (vedere la sezione Avvertenze e precauzioni per l'uso ).

Problemi cardiaci:

Molto rari : aritmia, inclusi bradicardia, tachicardia ventricolare, fibrillazione atriale, angina pectoris e infarto del miocardio, possibilmente secondaria all'ipotensione eccessiva nei pazienti ad alto rischio (vedere la sezione Avvertenze e precauzioni per l'uso ).

Patologie respiratorie, toraciche e mediastiniche:

comuni:

È stata segnalata tosse secca con l'uso di inibitori dell'enzima di conversione dell'angiotensina. È caratterizzato dalla sua persistenza, così come dalla sua scomparsa alla fine del trattamento. L'eziologia iatrogena deve essere considerata in presenza di questo sintomo.

Dispnea.

Non comune: broncospasmo.

Molto raro: polmonite eosinofila, rinite.

Disturbi gastrointestinali:

Comune: stitichezza, secchezza delle fauci, nausea, vomito, dolore addominale, disgeusia, dispepsia, diarrea.

Molto raro: pancreatite.

Patologie epatiche e biliari:

Molto raro: epatite citolitica o colestatica (vedere avvertenze e precauzioni per l'uso ).

Frequenza sconosciuta: in caso di insufficienza epatica, è possibile l'encefalopatia epatica (vedere paragrafi Controindicazioni e avvertenze e precauzioni per l'uso ).

Patologie della pelle e dei tessuti

Comune: eruzione cutanea, prurito, eruzioni maculopapulari.

Non comune: angioedema del viso, delle estremità, delle labbra, delle mucose, della lingua, della glottide e / o della laringe, orticaria (vedere la sezione Avvertenze e precauzioni per l'uso )

Reazioni di ipersensibilità, principalmente dermatologiche, in soggetti predisposti a reazioni allergiche o asmatiche.

Purpura.

Possibile aggravamento del lupus eritematoso sistemico preesistente

Molto rari: eritema multiforme, necrosi epidermica tossica, sindrome di Steven Johnson.

Sono stati segnalati casi di fotosensibilità (vedere la sezione Avvertenze e precauzioni per l'uso ).

Disturbi muscoloscheletrici e del tessuto connettivo

Comune: crampi muscolari.

Disturbi renali e urinari:

Non comune: insufficienza renale.

Molto raro: insufficienza renale acuta.

Disturbi degli organi riproduttivi e del seno:

Non comune: impotenza.

Disturbi generali e che interessano il sito di somministrazione:

Frequenti: astenia

Non comune: sudorazione.

Recensioni:

Deplezione di potassio con significativa diminuzione del potassio sierico in alcune popolazioni a rischio (vedere avvertenze e precauzioni per l'uso ).

Iponatriemia con ipovolemia che causa disidratazione e ipotensione ortostatica.

Aumento dell'acido urico e dei livelli di glucosio nel sangue durante il trattamento.

Aumento moderato dell'urea plasmatica e della creatinina, reversibile con l'interruzione del trattamento. Questo aumento è più frequente nei casi di stenosi dell'arteria renale, ipertensione trattata con diuretici e insufficienza renale.

Aumento dei livelli plasmatici di potassio, solitamente transitorio.

Raro : ipercalcemia.

Messaggi Popolari