Emulsione per infusione PERIKABIVEN 1500 KCAL Scatola da 2 tasche con tre scomparti da 2400 ml

Farmaco generico della classe terapeutica: anestesia, rianimazione, analgesici
Ingredienti attivi: olio di soia, glucosio, alanina, arginina, acido aspartico, acido glutammico (E620), glicina, istidina, isoleucina, leucina, lisina, metionina, fenilalanina, prolina, serina, treonina, triptofano, tirosina, valina, cloruro calcio, glicerofosfato
laboratorio: Fresenius Kabi Francia

Emulsione iniettabile per infusione endovenosa
Tutte le forme

indicazione

Nutrizione parenterale negli adulti e nei bambini oltre i 2 anni di età, quando la nutrizione orale o enterale è impossibile, insufficiente o controindicata.

Dosaggio PERIKABIVEN 1500 KCAL Emulsione per infusione Scatola di 2 tasche con tre scomparti da 2400 ml

La capacità dei pazienti di rimuovere i lipidi e metabolizzare il glucosio determinerà il dosaggio e la velocità di infusione, vedere avvertenze e precauzioni per l'uso.
dosaggio:
La dose somministrata deve essere personalizzata e la scelta del volume della tasca deve essere fatta in base alle condizioni cliniche del paziente, al peso corporeo e alle esigenze nutrizionali.
- Negli adulti:
. I fabbisogni di azoto per mantenere la massa proteica del corpo dipendono dalle condizioni cliniche del paziente (ad es. Stato nutrizionale e grado di catabolismo da stress). Il requisito è 0, 10-0, 15 g di azoto / kg di peso corporeo / giorno per il normale stato nutrizionale. Per i pazienti in uno stato di stress metabolico da moderato ad alto, con o senza malnutrizione, i requisiti sono compresi nell'intervallo 0, 15-0, 30 g di azoto per kg di peso corporeo / giorno (1, 0- 2, 0 g di aminoacidi per kg di peso corporeo / giorno). Il fabbisogno di glucosio e lipidi generalmente stimato è di 2, 0-6, 0 g per il glucosio e 1, 0-2, 0 g per i lipidi per libbra di peso corporeo / giorno.
. Il fabbisogno energetico totale dipende dalle condizioni cliniche del paziente ed è più spesso tra 20-30 kcal / kg di peso corporeo / giorno. Nei pazienti obesi, l'assunzione deve essere basata sul peso ideale stimato.
. PERIKABIVEN esiste in tre presentazioni per pazienti i cui bisogni nutrizionali sono moderatamente aumentati, basali o bassi. Come parte di una nutrizione parenterale totale, potrebbe essere necessario fornire oltre ai microelementi, vitamine ed elettroliti.
. La dose di 0, 10-0, 20 g di azoto / kg di peso corporeo / giorno (0, 7-1, 0 g di aminoacidi per kg di peso corporeo / giorno) e un apporto energetico totale di 20- 30 kcal / kg di peso corporeo / giorno corrispondono a circa 27-40 ml di PERIKABIVEN per kg di peso corporeo / giorno.
- Nei bambini:
La capacità di metabolizzare i nutrienti deve determinare il dosaggio.
. In generale, per i bambini piccoli (2-10 anni), l'infusione deve iniziare con un dosaggio basso come 14-28 ml / kg (corrispondente a 0, 49-0, 98 g di aminoacidi / kg / die). e 0, 95-1, 9 g di glucosio / kg / giorno) quindi saranno aumentati in incrementi di 10-15 ml / kg / giorno fino ad un dosaggio massimo di 40 ml / kg / giorno.
. Per i bambini di età superiore ai 10 anni, può essere utilizzato il dosaggio per adulti.
- Tasso di infusione:
La velocità massima di perfusione per il glucosio è 0, 25 g / kg / ora.
L'assunzione di aminoacidi non deve superare 0, 1 g / kg / ora.
L'assunzione di grassi non deve superare 0, 15 g / kg / ora.
La velocità di infusione di questa emulsione non deve superare 3, 7 ml / kg di peso corporeo / ora (corrispondente a 0, 25 g di glucosio, 0, 09 g di amminoacidi e 0, 13 g di lipidi / kg di peso corporeo).
Il tempo di infusione raccomandato per una sacca PERIKABIVEN è di 12 a 24 ore.
- Dose giornaliera massima:
. È 40 ml / kg / giorno. Ciò corrisponde alla somministrazione di una tasca (di capacità maggiore) per un paziente di 64 kg che riceverà 0, 96 g di aminoacidi / kg / giorno (0, 16 g di azoto / kg / giorno) un apporto calorico non proteico di 25 kcal / kg / die (2, 7 g di glucosio / kg / giorno e 1, 4 g di lipidi / kg / giorno).
. La dose giornaliera massima varia a seconda delle condizioni cliniche del paziente e può anche essere modificata da un giorno all'altro.
Modalità e durata della somministrazione:
PERFUSION BY VENE CENTRALE O PERIFERICA.
- L'amministrazione può essere continuata fino a quando lo stato clinico del paziente lo rende necessario.
- Per ridurre il rischio di tromboflebite (nella vena periferica), è consigliabile cambiare il sito di infusione ogni giorno.

Contro indicazioni

- Ipersensibilità nota alle proteine ​​dell'uovo o della soia o ad uno qualsiasi degli eccipienti.
- Iperlipidemia importante.
- Insufficienza epatica grave.
- Gravi disturbi della coagulazione del sangue.
- Anomalie congenite del metabolismo degli aminoacidi.
- Insufficienza renale grave senza possibilità di emofiltrazione o dialisi.
- Stato dello shock nella fase acuta.
- Iperglicemia che richiede la somministrazione di più di 6 unità di insulina / ora.
- Livelli plasmatici elevati e patologici di uno degli elettroliti inclusi nel prodotto.
- Sindrome di attivazione dei macrofagi.
- Controindicazioni generali per la terapia infusionale: edema polmonare acuto, iperidratazione, insufficienza cardiaca scompensata e disidratazione ipotonica.
- Stati instabili, ad esempio: grave stato post-traumatico, diabete scompensato, fase acuta di infarto miocardico, acidosi metabolica, infezione grave e coma iperosmolare.
- Neonato e bambino sotto i 2 anni.

Effetti collaterali perimetrali

L'infusione di PERIKABIVEN può causare un aumento della temperatura corporea (<3% di incidenza) e, meno frequentemente, brividi, brividi e nausea / vomito (incidenza <1%).
- Sono stati riportati anche aumenti transitori degli enzimi epatici sotto nutrizione parenterale.
Come con qualsiasi soluzione ipertonica, la tromboflebite può verificarsi in caso di somministrazione di vene periferiche.
- Altri effetti avversi attribuibili ai componenti di PERIKABIVEN sono estremamente rari.
- Sono state descritte reazioni di ipersensibilità (reazione anafilattica, rash cutaneo, orticaria), sintomi respiratori (ad es. Tachipnea), effetti sulla circolazione (es. Ipertensione o ipotensione).
- Sono stati descritti anche emolisi, reticolocitosi, dolore addominale, mal di testa, nausea, vomito, affaticamento e priapismo.
- Sindrome da sovraccarico di grassi:
. Una diminuzione della capacità di eliminazione dei lipidi (contenuta in PERIKABIVEN) può portare a una "sindrome da sovraccarico di grassi" che può essere dovuta a un sovradosaggio, ma può anche essere associata ad un cambiamento improvviso, alla velocità di infusione raccomandata le condizioni cliniche del paziente, come la funzionalità renale o epatica compromessa.
. L'insorgenza di una sindrome da sovraccarico è caratterizzata da: iperlipidemia, febbre, epatomegalia, splenomegalia, anemia, leucopenia, trombocitopenia, disturbi della coagulazione e coma.
. Tutti questi sintomi sono generalmente reversibili se l'infusione dell'emulsione lipidica viene interrotta.

Messaggi Popolari