PEDIAVEN AP-HP G15 soluzione per scatola per infusione di 4 tasche bicompartiment da 1000 ml

Farmaco generico della classe terapeutica: anestesia, rianimazione, analgesici
laboratorio: Fresenius Kabi Francia

Soluzione per iniezione per infusione endovenosa
Tutte le forme

indicazione

Le indicazioni sono quelle della nutrizione parenterale quando l'alimentazione enterale è impossibile, insufficiente o controindicata.

PEDIAVEN AP-HP G15 è indicato per soddisfare i fabbisogni giornalieri di azoto (aminoacidi della serie L), glucosio, elettroliti, oligoelementi e fabbisogni di liquidi di neonati, bambini e adolescenti, in uno stato stabile, in particolare senza perdita. digestivo eccessivo e senza grave malnutrizione.

Dosaggio PEDIAVEN AP-HP G15 soluzione per scatola per infusione di 4 tasche bicompartiment da 1000 ml

Le indicazioni sono quelle della nutrizione parenterale quando l'alimentazione enterale è impossibile, insufficiente o controindicata.

PEDIAVEN AP-HP G15 è indicato per soddisfare i fabbisogni giornalieri di azoto (aminoacidi della serie L), glucosio, elettroliti, oligoelementi e fabbisogni di liquidi di neonati, bambini e adolescenti, in uno stato stabile, in particolare senza perdita. digestivo eccessivo e senza grave malnutrizione.

Contro indicazioni

· Ipersensibilità ai principi attivi o ad uno qualsiasi degli eccipienti elencati in Composizione .

· Anomalia congenita del metabolismo degli aminoacidi,

· Insufficienza renale grave senza possibilità di trattamento extra-renale,

· Iperglicemia grave e incontrollata

· Concentrazione plasmatica elevata e patologica di uno qualsiasi degli elettroliti inclusi in questo prodotto,

· Stati instabili (per esempio: gravi stati post-traumatici, diabete mellito scompensato, fase acuta di shock circolatorio, grave acidosi metabolica, sepsi grave e commo iperosmolare ...),

· Bambini in grave malnutrizione.

Inoltre, devono essere prese in considerazione le controindicazioni generali alla terapia infusionale, tra cui: edema polmonare acuto, iperidratazione, insufficienza cardiaca non trattata o disidratazione ipotonica.

Effetti collaterali di Pediaven Ap-hp G15

Gli effetti avversi correlati alla nutrizione parenterale in generale possono verificarsi in particolare all'inizio del trattamento:

Classi di sistemi d'organo (SOC)

Non noto (non può essere stimato dai dati disponibili)

Disturbi del sistema immunitario

Ipersensibilità o reazioni allergiche a certi aminoacidi

Disturbi del metabolismo e della nutrizione

Iperglicemia, acidosi metabolica, iperazotemia, ipercalcemia, ipervolemia

Disturbi gastrointestinali

Nausea, vomito

Patologie epatobiliari

Insufficienza transitoria della funzionalità epatica

Le reazioni che si verificano durante un sovradosaggio (vedere la sezione Overdose ) sono generalmente reversibili se l'infusione viene interrotta.

Disturbi del sistema immunitario:

Se si presentano segni o sintomi insoliti di una reazione allergica come sudorazione, febbre, brividi, mal di testa, eruzione cutanea o difficoltà di respirazione, l'infusione deve essere immediatamente interrotta.

Disturbi del metabolismo e della nutrizione:

· Iperglicemia se la portata oraria del glucosio infusa supera la capacità di utilizzo del glucosio del paziente (variabili in base all'età, alla situazione patologica e ai trattamenti associati).

· In caso di assunzione eccessiva di aminoacidi, può verificarsi acidosi metabolica. L'iperazotemia può verificarsi soprattutto in caso di insufficienza renale, epatica o respiratoria.

Cattive condizioni d'uso (assunzione eccessiva o inappropriata dei bisogni del paziente o velocità di infusione troppo rapida) possono portare a segni di iperglicemia, ipercalcemia e ipervolemia.

Disturbi renali e urinari:

In caso di assunzione eccessiva di aminoacidi, può verificarsi iperazotemia soprattutto nei casi di insufficienza renale.

Disturbi generali e difetti del sito di somministrazione:

In caso di stravaso, sono state osservate reazioni locali come infiammazione o necrosi.

Se in combinazione con ceftriaxone: rischio di precipitazione di sali di ceftriaxone-calcio (vedere sezioni Avvertenze e precauzioni, interazione con altri medicinali e altre forme di interazione e incompatibilità ):

Casi di precipitazione renale sono stati riportati in pazienti trattati per via endovenosa con ceftriaxone e soluzioni contenenti calcio, principalmente in bambini di età superiore ai 3 anni che ricevevano alte dosi di ceftriaxone. Il rischio di formazione di precipitati aumenta nei pazienti immobilizzati o disidratati. Questo effetto indesiderato può essere asintomatico o causare insufficienza renale e anuria.

Sono stati riportati casi di precipitazione di sali di calcio di ceftriaxone nella colecisti, principalmente in pazienti trattati con dosi di ceftriaxone superiori alle dosi raccomandate. Questo effetto avverso è solitamente asintomatico, ma la precipitazione è stata accompagnata in rari casi da sintomi clinici come dolore, nausea e vomito.

Segnalazione di sospette reazioni avverse

La segnalazione di sospette reazioni avverse dopo l'autorizzazione del farmaco è importante. Permette il monitoraggio continuo del rapporto rischio / beneficio del farmaco. Gli operatori sanitari devono dichiarare qualsiasi reazione avversa sospetta tramite il sistema nazionale di segnalazione: Agenzia nazionale per la sicurezza dei medicinali e prodotti sanitari (ANSM) e la rete dei centri regionali di farmacovigilanza - Sito web: www.ansm.sante.fr.

Messaggi Popolari