PASTA 4 g

Farmaco generico della classe terapeutica: Infectiology - Parasitology
principi attivi: acido para-aminosalicilico
laboratorio: Lucane Pharma

Granulato gastroresistente
Bustine da 4 g
Tutte le forme

indicazione

PASER è indicato, negli adulti, in combinazione con diversi altri antibiotici battericidi o batteriostatici noti per essere attivi su Mycobacterium tuberculosis nel trattamento della tubercolosi multiresistente resistente (MDR-TB o XDR-TB) in base ai risultati dell'antibiogramma. o quando l'uso di isoniazide e rifampicina è impossibile per ragioni di resistenza crociata o intolleranza.

Dosaggio PASTA 4 g Sacchetti gastroresistenti di Granulosa da 4 g

Posologia: Adulti: 4 g (una bustina), tre volte al giorno.

Modo di somministrazione: i granuli PASER hanno un rivestimento gastroresistente che consente di evitare la degradazione del principio attivo nello stomaco.

I granuli PASER possono essere miscelati con un alimento acido (succo di mela, yogurt) o sospesi in una bevanda acida (succo di pomodoro, succo d'arancia) e inghiottiti immediatamente dopo la sospensione, al fine di evitare il deterioramento del rivestimento gastroresistente

Contro indicazioni

- Ipersensibilità al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti.

- Insufficienza renale grave.

Effetti collaterali Paser

Ci sono pochi dati sugli eventi avversi con PASER. Negli studi clinici condotti negli Stati Uniti, le reazioni avverse più comunemente riportate sono state gastrointestinali: disagio gastrointestinale, gonfiore, nausea, diarrea.

Sono stati riportati i seguenti effetti indesiderati quando si usano diverse formulazioni di acido para-aminosalicilico non gastroresistente (vari sali di acido para-aminosalicilico, acido para-aminosalicilico libero):

Gli effetti collaterali riportati sono elencati di seguito per dispositivo e frequenza.

Le frequenze sono definite come segue: molto comune (≥ 1/10), comune (≥ 1/100, <1/10) e non comune (≥ 1/1000, <1/100). All'interno di ciascun gruppo di frequenza, gli effetti avversi sono presentati in ordine decrescente di gravità.

Patologie del sistema emolinfopoietico

Non comune:

Anemia emolitica in pazienti con deficit di G6PD

Disturbi metabolici e sistema endocrino

Non comune:

Gozzo, ipotiroidismo

Disturbi gastrointestinali

Molto frequente:

Nausea, vomito, diarrea, dolore gastrointestinale.

Disturbi renali e urinari

Non comune:

cristalluria

Disordini generali

Reazioni di ipersensibilità alla febbre

Patologie della cute e del tessuto sottocutaneo

non comune

Eruzione cutanea, prurito, prurito

Patologie del sistema emolinfopoietico

non comune

Ipereosinofilia, leucopenia, linfoadenopatia, agranulocitosi, trombocitopenia, riduzione della protrombina

Patologie epatobiliari

Non comune:

Epatosplenomegalia, ittero, epatite

infezioni

Non comune:

Sindrome di mononucleosi infettiva

Malattie autoimmuni o infiammatorie

Non comune:

Vasculite, sindrome di Loeffler, neurite ottica di encefalite da pericardite

Disordini metabolici

Non comune:

ipoglicemia

La sindrome da malassorbimento può verificarsi nei pazienti trattati con acido para-aminosalicilico. La sindrome completa da malassorbimento include steatorrea, diminuzione del colesterolo, D-xilosio e livelli plasmatici di ferro. L'assorbimento dei trigliceridi è sempre preservato.

Una diminuzione della sintesi di tiroxina del 40% è stata riportata in uno studio, senza alcuna interferenza con l'assorbimento di iodio, un'ora dopo la somministrazione di para-aminosalicilato di sodio. Il possibile sviluppo di un gozzo può essere prevenuto con la somministrazione di tiroxina.

Test di laboratorio

L'acido para-aminosalicilico può interferire con l'albumina sierica, l'ASAT e l'analisi qualitativa urinaria della bilirubina, dell'urobilinogeno o del porfobilinogeno.

Messaggi Popolari