Paralisi facciale: trattamenti

L'urgenza della paralisi facciale è determinare la causa per trattarla.

In generale, quando la paralisi facciale è parziale, la guarigione avviene naturalmente nell'arco di 2-8 settimane. Quello conosciuto come Frigore è spontaneamente reversibile nell'80% dei casi.

Per gli altri, inclusa la paralisi facciale completa, il recupero può durare fino a un anno, nonostante i trattamenti. Raramente, può lasciare dopo effetti come una leggera paralisi (paresi) facciale, un'asimmetria del viso, riflessi incontrollabili (secrezione di lacrime durante i pasti).

trattamenti

È necessario proteggere l'occhio che non si chiude. In assenza di lacrime e ammicchi, potrebbe seccarsi e diventare la sede delle infezioni. Per prevenire la perdita della vista, una maschera per gli occhi e gli occhiali sono disponibili durante il giorno e una medicazione per chiudere l'occhio durante la notte. Le lacrime artificiali e le gocce antisettiche sono combinate. In alcuni casi, i medici propongono una tarsorra (sutura provvisoria delle palpebre).

Un corticosteroide viene attivato una volta eliminata la causa virale perché è una controindicazione. A partire il più presto possibile, l'assunzione di corticosteroidi può diffondersi per diverse settimane con una diminuzione graduale del dosaggio e consente un recupero più rapido.

Quando il trattamento della causa non ha dato risultati e la paralisi facciale persiste, le soluzioni sono quindi più dell'ordine della correzione della paralisi per aiutare il paziente a trovare una qualità di vita. Questi includono alternative chirurgiche per recuperare la simmetria.

Tutte queste tecniche sono accompagnate da sessioni di fisioterapia e / o logopedia molto presto per lasciare il minimo sequel. È possibile che il medico utilizzi la tossina botulinica che inietterà in diverse parti del viso, specialmente quando ci sono spasmi muscolari.

Vuoi reagire, dare la tua testimonianza o fare una domanda? Appuntamento nel nostro FORUM neurologia o un medico ti risponde !

Dislessia: i trattamenti Articolo Precedente

Dislessia: i trattamenti

Fobia: i sintomi Articolo Precedente

Fobia: i sintomi

Messaggi Popolari