PARACETAMOL ACTAVIS 10 mg / ml

Farmaco generico della classe terapeutica: analgesici
principi attivi: paracetamolo
laboratorio: Actavis Group Ptc Ehf

Soluzione per iniezione per infusione endovenosa
Scatola da 10 flaconi da 100 ml
Tutte le forme

indicazione

PARACETAMOL actavis 10 mg / ml è indicato per il trattamento a breve termine del dolore moderato, in particolare nel periodo postoperatorio, e nel trattamento a breve termine della febbre, quando la via di somministrazione per via endovenosa è clinicamente giustificata. dall'urgenza di trattare il dolore o l'ipertermia e / o quando non sono possibili altre vie di somministrazione.

Dosaggio PARACETAMOL ACTAVIS 10 mg / ml Soluzione per infusione endovenosa Confezione da 10 flaconcini da 100 ml

Via endovenosa.

dosaggio

Adulti e adolescenti di peso superiore a 50 kg

1 grammo di paracetamolo per somministrazione, cioè una fiala da 100 ml, fino a 4 volte al giorno.

Rispettare un intervallo di almeno 4 ore tra due amministrazioni.

La dose giornaliera massima non deve superare i 4 grammi.

Bambini di peso superiore a 33 kg (circa 11 anni), adolescenti e adulti con peso inferiore a 50 kg

15 mg / kg di paracetamolo per somministrazione, ovvero 1, 5 ml di soluzione per kg, fino a 4 volte al giorno.

Rispettare un intervallo di almeno 4 ore tra due amministrazioni.

La dose massima giornaliera non deve superare i 60 mg / kg senza superare i 3 grammi.

Bambini oltre 10 kg (circa 1 anno) e meno di 33 kg

15 mg / kg di paracetamolo per somministrazione, ovvero 1, 5 ml di soluzione per kg, fino a 4 volte al giorno.

Rispettare un intervallo di almeno 4 ore tra due amministrazioni.

La dose massima giornaliera non deve superare i 60 mg / kg senza superare i 2 grammi.

Neonati a termine, neonati e bambini sotto i 10 kg (circa 1 anno)

7, 5 mg / kg di paracetamolo per somministrazione, ovvero 0, 75 ml di soluzione per kg, fino a 4 volte al giorno.

Rispettare un intervallo di almeno 4 ore tra due amministrazioni.

La dose giornaliera massima non deve superare i 30 mg / kg.

Non ci sono dati di efficacia e sicurezza disponibili nei neonati pretermine (vedere paragrafo 5.2 ).

Grave insufficienza renale

Si raccomanda di aumentare l'intervallo tra 2 somministrazioni ad almeno 6 ore quando il paracetamolo viene somministrato in pazienti con insufficienza renale grave (clearance della creatinina ≤ 30 ml / min) (vedere paragrafo 5.2 ).

Nei pazienti adulti, in caso di insufficienza epatocellulare, alcolismo cronico, malnutrizione cronica (basse riserve di glutatione epatico) o disidratazione, la dose massima giornaliera non deve superare i 3 g (vedere la sezione Avvertenze e precauzioni). occupazione ).

Modalità di amministrazione

La soluzione di paracetamolo viene somministrata per infusione endovenosa di 15 minuti.

Paracetamolo ACTAVIS può facoltativamente essere diluito in soluzione di cloruro di sodio allo 0, 9% o soluzione di glucosio al 5% in un fattore di 10. In questo caso, la soluzione diluita deve essere utilizzata entro un'ora dopo preparazione (compreso il tempo di infusione).

Come con tutte le soluzioni di infusione confezionate in flaconcini di vetro, si ricorda che è particolarmente consigliabile un attento monitoraggio alla fine dell'infusione, indipendentemente dalla via di somministrazione. Questo monitoraggio alla fine dell'infusione è particolarmente applicabile alle infusioni endovenose al fine di evitare l'embolia gassosa.

Contro indicazioni

PARACETAMOL ACTAVIS 10 mg / ml è controindicato:

· In caso di ipersensibilità al paracetamolo o al propacetamolo cloridrato (paracetamolo profarmaco) o ad uno qualsiasi degli eccipienti,

· In caso di grave insufficienza epatocellulare.

Paracetamolo Effetti collaterali Actavis

Gli eventi avversi sono stati classificati in base alla loro incidenza utilizzando la seguente classificazione:

Molto comune (1/10), comune (1/100, 1/10), raro (1/1000, 1/100), raro (1/10 000, 1/1000) ), molto raro (<1 / 10.000), non noto (non può essere stimato in base ai dati disponibili)

sistema

raro

Molto raro

generale

malessere

Reazione di ipersensibilità

cardiovascolare

ipotensione

epatico

Elevazione delle transaminasi epatiche

Piastrine / sangue

trombocitopenia

leucopenia

neutropenia

Sono stati segnalati casi molto rari di reazioni di ipersensibilità che vanno dalla semplice eruzione cutanea o orticaria allo shock anafilattico e richiedono l'interruzione del trattamento.

Sono stati segnalati casi di eritema, arrossamento, prurito e tachicardia.

Messaggi Popolari