Panaris: le cause

La paronichia è un'infezione superficiale che colpisce le parti molli delle dita.

La causa della comparsa di un paronichia è l'inoculazione di un batterio nella pelle, attraverso un ingresso della pelle: una ferita, una ferita, una puntura d'insetto, una lampadina ... Il più delle volte, il germe responsabile della paronichia è lo stafilococco aureo, o più raramente uno streptococco. In questi casi parliamo di paronichia batterica.

Avere delle piccole ferite permanenti sulle dita può essere un fattore di rischio, quindi evita di morderti le unghie e di strappare la pelle e la cuticola intorno alle unghie, perché queste micro-ferite sono possibilità di ingresso per i germi.

Alcune persone sono più esposte di altre al rischio di sviluppare questo tipo di infezione: lavoratori manuali, tossicodipendenti ...
Allo stesso modo, le persone con alcune deficienze immunitarie (AIDS) o malattie croniche (diabete) sono a rischio. In questi casi, la prevenzione della paronichia fa parte dell'educazione terapeutica della propria malattia.

Altri pazienti con coinvolgimento neurologico possono essere influenzati dalla perdita di sensibilità cutanea e possono non avvertire il dolore e i sintomi associati allo sviluppo di paronichia. Se non ispezionano regolarmente le dita delle mani e dei piedi, possono scoprire il loro whitlow troppo tardi.

Più raramente, il paronychia può essere causato dal virus dell'herpes. Questo tipo di paronichia, noto come herbetic whitlow, è di solito presente per la prima volta nei bambini con stomatite, che si manifesta con piccole ulcere della bocca simili alle afte. Quando una persona ha questa infezione primaria, mettendo le dita in bocca le espone al rischio di contaminazione.

Una volta contratto, questo virus può manifestarsi ricorrentemente, sempre nella stessa regione delle dita, come per l'herpes freddo o genitale.

Disturbo Ossessivo Compulsivo (OCD): Trattamenti Articolo Precedente

Disturbo Ossessivo Compulsivo (OCD): Trattamenti

Otite: i trattamenti Articolo Precedente

Otite: i trattamenti

Messaggi Popolari