isterismo

L'isteria è un disturbo psicologico descritto per la prima volta da Charcot e Sigmund Freud alla fine del XIX secolo. Poi hanno fatto riferimento a "crisi" di isteria che coinvolgono tutti i tipi di simulazioni inconsce.

Nel diciannovesimo secolo, gli isterici erano come crisi epilettiche e si manifestavano in paralisi improvvisa, attacco di tetano o incapacità di parlare. Senza alcuna causa fisica trovata, le cause apparivano allora come strettamente psicologiche. Da allora, i sintomi dell'isteria si sono evoluti. Questi sono, con ogni probabilità, dipendenti dall'evoluzione della società.

Oggi gli psichiatri non parlano più di isteria in quanto tale, ma di "disturbo somatoforme" (altrimenti noto come "sintomi di conversione" o "sintomi di conversione"), "disturbi dissociativi" e "disturbi di la personalità istrionica "(la più comune).

La comprensione dell'isteria è stata anche arricchita dalla conoscenza neuroscientifica, psicologica e sociologica.

Se l'etimologia della parola "isteria" si riferisce all'utero, le donne non hanno l'esclusività. Gli uomini possono anche soffrire.

Diversi tratti del carattere indicano una propensione all'isteria: teatralità, dipendenza emotiva, necessità di sedurre, adattamento ai desideri dell'altro, mitomania, tendenza a fare capricci, iper-reattività emotiva e disturbi sessuali (dalla frigidità all'ipersessualità).

Oltre a questi tratti di personalità, alcuni sintomi, più invalidanti, possono segnare il percorso di un "isterico". Sono variabili come il pannello della sintomatologia di un essere umano (motorio, digestivo, psichico, ecc.).

Vuoi reagire, dare la tua testimonianza o fare una domanda? Appuntamento nella nostra FORUM Psicologia o Uno psichiatra ti risponde

Per leggere anche:

> Una fobia: cos'è?
> Ninfomania: cause e trattamenti di ipersessualità
> Malattie psicosomatiche
> I disturbi psicologici: un campo molto vasto ...

Cancro ai reni: la testimonianza di un paziente Articolo Precedente

Cancro ai reni: la testimonianza di un paziente

Narcolessia: diagnosi e trattamento Articolo Precedente

Narcolessia: diagnosi e trattamento

Messaggi Popolari