malattie

Tossiemia in gravidanza

La tossiemia della gravidanza, nota anche come ipertensione gravidica, è una malattia specifica della donna incinta che di solito si verifica intorno alla 25 ° settimana di gravidanza (6 ° mese di gravidanza) o successiva.

Questa malattia è definita da un aumento della pressione sanguigna e un aumento delle proteine ​​nelle urine. Parliamo anche di pre-eclampsia.

La tossiemia della gravidanza colpisce 1 donna su 20 durante la gravidanza.

Questa malattia può causare l' eclampsia o la sindrome di Hellp (con gravi conseguenze). Ciò sottolinea l'importanza di rilevare al più presto possibile una tossiemia di gravidanza che deve essere gestita correttamente. La tossiemia della gravidanza può richiedere il ricovero in ospedale, a volte con un taglio cesareo ...

È per rilevare questa malattia il più presto possibile, che i ginecologi o le ostetriche regolarmente assumono la pressione del sangue nelle donne in gravidanza, e specialmente durante gli ultimi mesi di gravidanza, con l'aggiunta della ricerca di proteine ​​nelle donne in gravidanza. urina (con una striscia).

La tossiemia della gravidanza è definita dalla presenza di proteine ​​nelle urine (maggiore di 0, 5 g / 24 ore) e da un aumento della pressione sanguigna: superiore a 14/9 a riposo. Può verificarsi edema ai piedi, alle gambe, al viso). Con spesso anche un aumento di peso improvviso e significativo.

Tutti i nostri consigli per vivere bene la tua gravidanza!

Quali cibi mettere a fuoco o evitare? Che mi dici delle droghe? E cosa fare in caso di stanchezza? Salute, benessere, bellezza ... Scopri i nostri consigli pratici!

Vuoi reagire, condividere la tua esperienza o porre una domanda? Vai alla nostra gravidanza FORUMS o un medico ti risponde.

Per leggere anche:

> Trombosi venosa: i nostri consigli per prevenirlo!
> Sport e gravidanza: cosa è (non) consigliato?
> Gravidanza e diabete gestazionale
> Gravidanza avanzata: quello che devi sapere

Autore: Ladane Azernour Bonnefoy
Consulente esperto: Dr. Jerome Hautefeuille, ginecologo ostetrico, Lione.

Messaggi Popolari

Categoria malattie, Articolo Successivo

Depressione: i sintomi - malattie
malattie

Depressione: i sintomi

I due sintomi più tipici sono la tristezza e il ritardo psicomotorio. La persona è in uno stato ammorbidente e irascibile. Il suo interesse per le cose della vita diminuisce, lei schiaccia il nero, piange e rimugina pensieri ossessivi. La sua dieta e il sonno possono essere interrotti. A questo si aggiunge l'autoironia: il depressivo non ha più autostima e talvolta sente un eccessivo senso di colpa. N
Per Saperne Di Più
Iperfagia: i sintomi - malattie
malattie

Iperfagia: i sintomi

Binge eating risultati in presenza di attacchi di bulimia non compensatori volti a perdere peso. La diagnosi, come definita nel Manuale di Classificazione della Malattia Mentale (DSM-IV), è confermata per almeno due periodi di bulimia a settimana per almeno sei mesi. I sintomi che definiscono la crisi della bulimia sono: mangiare una grande quantità di cibo in tempi record, senza alcuna sensazione fisica di fame, fino a quando non si avverte una dolorosa sensazione fisica di distensione addominale.
Per Saperne Di Più
Herpes zoster: herpes zoster oftalmico - malattie
malattie

Herpes zoster: herpes zoster oftalmico

Una delle complicazioni di herpes zoster è l'attacco alla zona degli occhi (questo è chiamato fuoco oftalmico). Il virus può alloggiare a livello di uno dei nervi cutanei del viso, a livello della palpebra e dell'occhio, e raggiungere la cornea. La cornea è la lente (naturale) sulla superficie dell'occhio, può diventare opaca, con conseguente vista scarsa e nel peggiore dei casi, la cecità dell'occhio raggiunto. Ques
Per Saperne Di Più
Osteoporosi: il consiglio dello specialista - malattie
malattie

Osteoporosi: il consiglio dello specialista

Intervista con il dott. Eric Lespessailles, reumatologo presso CHR Orleans. Questo medico specialista risponde alle nostre domande e dà molti consigli ... Com'è la scelta di un farmaco? La prescrizione è fatta caso per caso. Si prende in considerazione l'età, il sesso del paziente, i benefici ossei e extraossei che si possono ottenere e la compatibilità degli effetti collaterali con la salute generale. Olt
Per Saperne Di Più