Trombosi venosa

La trombosi venosa, nota anche come flebite, si riferisce alla formazione di un coagulo in una vena.

Può essere localizzato in luoghi diversi, più spesso negli arti inferiori, ma anche negli arti superiori o nell'addome.

Esistono due tipi di trombosi venosa:

> Trombosi venose superficiali. Sono anche chiamati paraphyébiti e sono benigni perché toccano le vene superficiali, visibili sotto la pelle.

> Trombosi venose profonde . Queste sono le trombosi più comuni e sono più gravi di quelle superficiali. Il coagulo si trova quindi in una vena profonda e può portare a gravi complicazioni.

La trombosi venosa è solitamente asimmetrica, raramente localizzata su entrambi i lati. Questa è una malattia che si verifica nelle persone anziane, anche se il problema può verificarsi prima (abbiamo tutti sentito parlare di giovani - più donne - vittime di flebiti).

In caso di trombosi venosa, soprattutto profonda, è importante agire rapidamente, vale a dire consultare. Perché il maggior rischio è lo spostamento del coagulo nel corpo. Può migrare ai polmoni (arteria polmonare) e causare embolia polmonare. Fortunatamente esistono modi efficaci per trattare la trombosi venosa, ma anche per prevenirla.


Vuoi reagire, dare la tua testimonianza o fare una domanda? Appuntamento nei nostri FORUM Ipertensione, Cardiologia o Un medico ti risponde!

Per leggere anche:

> Flebite: cause al trattamento
> Flebite: i 3 sintomi da sapere
> Consigli per prevenire la trombosi

Autore: Laëtitia Demma
Consulente esperto: Dr. Jean-Jérôme Guex, medico vascolare.

Andropausa: la menopausa degli uomini? Articolo Precedente

Andropausa: la menopausa degli uomini?

Morbo di Crohn: anti-TNF Articolo Precedente

Morbo di Crohn: anti-TNF

Messaggi Popolari