Incontinenza anale: un'operazione chirurgica

Per trattare l'incontinenza fecale, quando i farmaci non sono sufficienti e la rieducazione non è efficace, a volte è necessario considerare una riparazione chirurgica dello sfintere anale. Se per molti anni l'unica risposta chirurgica è stata la colostomia terminale, nuove tecniche sono state praticate per circa dieci anni.

Lo sfintere artificiale

È un dispositivo in silicone, semi-automatico e composto da tre elementi interconnessi. Innanzitutto un polsino gonfiabile posizionato attorno all'ano e la cui missione è di assicurare l'occlusione anale. Quindi un palloncino del serbatoio e un regolatore di pressione posti accanto alla vescica. Infine, una pompa, posta nel grande labbro della donna, o nello scroto dell'uomo: è questa parte che è accessibile al paziente.

La defecazione viene attivata da una certa pressione di questa piccola pompa: la cuffia perianale è vuota dell'acqua che contiene permettendo l'apertura dell'ano (si riempie automaticamente con l'acqua, di nuovo, alcuni minuti dopo).

Attenzione: se l'installazione di uno sfintere anale artificiale è semplice (una settimana di ospedalizzazione, comunque), è necessario monitorare bene i rischi infettivi che possono verificarsi nel corso dell'intervento.

neuromodulazione

Il pacemaker anale o neuromodulazione: si tratta di posizionare un elettrodo a livello dei nervi che controllano lo sfintere. Gli impulsi elettrici sono forniti da un involucro interno. Questa tecnica dà buoni risultati: quasi due su tre pazienti sono migliorati. Per quanto riguarda i rischi o gli effetti collaterali: le possibili complicazioni sono infettive, ma anche i rischi di dolore nel sito dell'impianto o spostamento dell'elettrodo. È pertanto necessario un monitoraggio regolare.

graciloplastica

Questo è un tipo di autotrapianto. Viene utilizzato un muscolo, il muscolo gracile (che si trova all'interno della coscia) sostituirà lo sfintere carente. La fasciatura muscolare avvolgerà il canale anale. Questo è un intervento abbastanza pesante, riservato a coloro per i quali tutti gli altri trattamenti hanno fallito.

Alla fine, quando lo sfintere si rompe, è possibile operare per riparare il meglio che possiamo sfintere.

Vuoi reagire, dare la tua testimonianza o fare una domanda? Appuntamento nel nostro FORUM Digestion & Belly o Un medico ti risponde!

Per vedere anche:

> Domanda digestione: colore sgabello anomalo - è così serio?
> Tutto sull'incontinenza urinaria

Afasia: trattamenti Articolo Precedente

Afasia: trattamenti

Ulcera varicosa: fonti e note Articolo Precedente

Ulcera varicosa: fonti e note

Messaggi Popolari