<
guida ai farmaci

Farmaci per il colesterolo: gli effetti collaterali dei farmaci

Come tutti i farmaci, quelli che lavorano contro l'eccesso di colesterolo nel sangue possono essere responsabili di effetti collaterali indesiderati. Si è parlato molto degli effetti delle statine.

Per leggere i volantini di questi farmaci (come la simvastatina), è chiaro che gli effetti collaterali indesiderati elencati sono numerosi.

  • Alcuni effetti collaterali sono molto rari (<1 / 10.000 casi): insonnia, insufficienza epatica ...
  • Altri sono rari (tra 1/10 000 e 1/1 000): mal di testa, anemia, vertigini, prurito, perdita di capelli, vari disturbi digestivi ...
Gli effetti collaterali gravi di questi farmaci sono inferiori all'1%.

Sono caratterizzati da: rabdomiolosi, mialgia (dolore muscolare), aumento anormale degli enzimi epatici, transaminasi (ALT e ASAT).

L'insorgenza di questi effetti collaterali è in parte correlata alla dose del farmaco assorbito.

Sono soprattutto questi problemi muscolari (crampi muscolari, rabdomiolisi, mialgia ...) che hanno fatto parlare di loro. Per le statine, questi disturbi muscolari sono solitamente correlati alla dose del farmaco assorbito.

Per alcuni pazienti (oltre 65, donne ...), il medico può determinare il livello di CPK (creatina fosfochinasi) prima di somministrare il farmaco e dopo. E se questo tasso aumenta eccessivamente dopo l'assorbimento del farmaco, dovrà essere fermato.

Secondo una dichiarazione del 2015 dell'Agenzia francese per i medicinali (Ansm), questo indica che tra gli effetti indesiderati identificati, alcuni (molto rari) corrispondono a miopatie necrotizzanti con mediazioni autoimmuni. Queste malattie sono legate all'assunzione di alcune statine. Ciò richiede l'interruzione del corso e l'assunzione di farmaci immunosoppressori.

Un'altra precauzione è legata al funzionamento del fegato. E le analisi degli enzimi epatici (transaminasi) possono essere eseguite anche prima di assumere statine, ma anche dopo l'inizio del trattamento, o dopo che il dosaggio è stato aumentato (esame del sangue 3 mesi dopo). In caso di elevazione esagerata degli enzimi epatici, potrebbe essere necessaria l'interruzione del trattamento.

Va notato che studi recenti sulle statine hanno mostrato un rischio maggiore di sviluppare il diabete con questi farmaci.

Questo rischio sarebbe correlato alla dose di statina assunta. In una relazione scritta nel 2015, l'Alta Autorità di Salute scrive: "l'effetto diabettigene dipendente dalla dose sarebbe stato finora sottovalutato perché non sufficientemente studiato negli studi".

Si noti che le statine non aumentano il rischio di cancro (almeno questo non è stato trovato nei numerosi studi su questa classe di farmaci).

Il rimborso di rosuvastatina (Crestor) è stato oggetto di un accordo preventivo dal 2016, dal momento che questa statina non ha alcun interesse particolare rispetto ad altre statine, per effetti indesiderati simili, così come i dubbi su un aumento insufficienza renale.

Le controindicazioni delle statine

Le statine sono controindicate in caso di:

  • gravidanza e allattamento.
  • un problema al fegato con, in particolare, un aumento degli enzimi epatici (transaminasi) nel sangue.
  • Quindi, le statine non possono essere assunte con certi altri farmaci (come anti-HIV, itraconazolo, un antibiotico (eritromicina), nefazodone ...).

Vuoi reagire, condividere la tua esperienza o porre una domanda? Ci vediamo nel nostro FORUMS Colesterolo !

Per leggere anche:

> Colesterolo
> Troppo colesterolo, quale dieta?
> Quale dieta per il diabete?

Messaggi Popolari

Categoria guida ai farmaci, Articolo Successivo

Self-help: strumenti come siti, app, ecc. - guida ai farmaci
guida ai farmaci

Self-help: strumenti come siti, app, ecc.

Oggi ci sono diversi strumenti di analisi dei sintomi grazie al digitale, permettendo persino di andare all'automedicazione ... Le app per smartphone sono disponibili per essere informate meglio ovunque e in qualsiasi momento. Uno di questi si chiama CitizenDoc e consente, dopo 3-5 domande, di valutare il sintomo di cui si soffre
Per Saperne Di Più
Anticoagulante: tutto ciò che devi sapere - guida ai farmaci
guida ai farmaci

Anticoagulante: tutto ciò che devi sapere

In Francia, più di 600.000 persone prendono trattamenti anticoagulanti. Questi trattamenti anticoagulanti hanno lo scopo di fluidificare il sangue per prevenire la formazione di coaguli e aiutano a prevenire gravi eventi cardiovascolari. La formazione di un coagulo è molto pericolosa, perché potrebbe più o meno ostruire una nave e quindi impedire la circolazione del sangue. Pu
Per Saperne Di Più
Anticoagulante: fonti e note - guida ai farmaci
guida ai farmaci

Anticoagulante: fonti e note

- Heir C. et al., Come ridurre il rischio di VKA? Uso del software di prescrizione. Rev. Prat. Med. Gen., 2007; 21: 42-45. Hyers YM et al., Chest 2001; 119: 1765-1935. - Fibrillazione atriale non valvolare: quale posto per anticoagulanti orali non antivitaminici K: apixaban (Eliquis®), dabigatran (Pradaxa®) e rivaroxaban (Xarelto®). A
Per Saperne Di Più