<
malattie

Cancro ai reni: il consiglio del medico specialista

Intervista con il Dr. Morgan Rouprêt, chirurgo urologo , medico universitario presso l'ospedale Pitié Salpêtrière, Assistenza Publique-Hôpitaux de Paris.

Qual è il beneficio dei farmaci anti-angiogenici rispetto all'immunoterapia?

È vero che, nel caso del carcinoma renale metastatico, l'unica risposta negli ultimi anni è stata l'immunoterapia. Chiaramente, le difese immunitarie del paziente sono state rafforzate utilizzando l'interferone alfa e l'inteleuchina 2. Questi prodotti hanno un effetto tossico sulle cellule tumorali. Detto questo, gli effetti collaterali erano importanti ei fallimenti numerosi: l'efficacia di questi trattamenti è limitata a circa il 5%. Questo è il motivo per cui ora utilizziamo trattamenti anti-angiogenici per il cancro metastatico. Hanno l'effetto di chiudere i neo-vasi e quindi "affamare" il tumore canceroso che alla fine si distrugge e scompare. E la posta in gioco è alta, poiché i tumori ai reni vengono spesso diagnosticati quando sono metastatizzati.

Si è evoluta la gestione del cancro del rene?

Rimane un cancro pesante con una prognosi casuale. Soprattutto perché gli viene diagnosticato spesso tardi. Non esiste ancora uno screening organizzato per questo tumore. Ciò che si è evoluto, a parte la gestione delle metastasi, sono le tecniche operative. Le operazioni laparoscopiche minimamente invasive migliorano notevolmente il comfort del paziente. La sua guarigione è molto più veloce. La sua degenza ospedaliera più breve: da tre a quattro giorni, invece di quindici giorni, per una laparotomia, un'operazione classica.

E l'operazione con i robot, cambia davvero la situazione o è aneddotica?

Non è affatto aneddotico. Con questo sistema robotico di telemanipolazione chirurgica, il chirurgo ha una visione ingrandita e 3 dimensioni dell'area da operare. Può fare gesti, tramite robot, che difficilmente potrebbe fare prima. Questo va nella direzione della chirurgia meno invasiva possibile.

Il chirurgo cercherà sempre di preservare parte del rene, se sembra ragionevole. Mantenere un parenchima sano è preservare il paziente dall'insufficienza renale. E per le persone che hanno già un solo rene, questa è l'unica speranza. Gli interventi di robot assistito sono quindi molto promettenti.

Vuoi reagire, dare la tua testimonianza o fare una domanda? Ci vediamo nel nostro FORUM Cancro o un medico ti risponde!

Messaggi Popolari

Categoria malattie, Articolo Successivo

Panaris: i sintomi - malattie
malattie

Panaris: i sintomi

Il paronychia si manifesta solitamente con sintomi facilmente riconoscibili. La paronichia batterica, la varietà più frequente di paronichia, riguarda generalmente le regioni che circondano l'unghia. Ma questo tipo di infezione può anche influenzare la polpa delle dita. Nella prima fase dell'infezione (chiamata fase di inoculazione), vi è un leggero dolore correlato alla ferita, che si attenua rapidamente. Ap
Per Saperne Di Più
La sindrome di Münchhausen - malattie
malattie

La sindrome di Münchhausen

La sindrome di Münchhausen (a volte la sindrome di Münchausen difettosa) è un disturbo mentale che colpisce le persone che inventano le malattie . L'obiettivo è attirare l'attenzione della professione medica su di loro e convincerli dell'esistenza di questa pseudopatia. Per questa ragione, queste persone arrivano al punto di prendere medicine o di sottoporsi a mutilazioni per provocare i sintomi. Il
Per Saperne Di Più
Pityriasis versicolor: i sintomi - malattie
malattie

Pityriasis versicolor: i sintomi

Pityriasis versicolor è sotto forma di macchie leggermente squamose (cioè, peeling). Questi sintomi appaiono in modo classico dopo l'esposizione alla radiazione solare. Pertanto, questa infezione si trova in genere in primavera o in estate, erroneamente denominata "contaminazione da spiaggia".
Per Saperne Di Più
Piaghe di ulcera: le cause - malattie
malattie

Piaghe di ulcera: le cause

Le afte si manifestano spontaneamente, spesso a seguito di una ferita a un oggetto o cibo (una crosta di pane, una lisca di pesce) o dopo aver morso la guancia. Inoltre, alcuni alimenti favoriscono le afte: alcuni formaggi, cioccolato, noci ... Le ulcerazioni aftose possono anche essere promosse da stress, febbre o mancanza di vitamina B, acido folico o ferro
Per Saperne Di Più