Bronchite: trattamenti

La prima domanda che il medico può fare a una persona che ha una bronchite in giro sarà: "Fumi? In effetti, il tabacco è responsabile di molte bronchiti e bronchiti croniche; provoca irritazione cronica dei bronchi, fragilità delle mucose e frequenti infezioni microbiche.

Il fumo passivo è anche un importante contributo alla bronchite.

Poiché la maggior parte della bronchite acuta è di origine virale, i trattamenti mirano principalmente a trattare i sintomi. La tosse di solito scompare spontaneamente dopo dieci giorni senza complicazioni.

Non esiste una cura per l'infezione virale stessa. Scomparirà dopo alcuni giorni.

I trattamenti sintomatici che possono essere considerati saranno:

  • misure non farmacologiche: abbondante idratazione, consumo di bevande calde, miele, umidificatore d'aria;
  • riguardante la febbre e il dolore causato dalla tosse, se scarsamente tollerato: il paracetamolo è indicato come prima linea. L'uso di farmaci antinfiammatori (es. Ibuprofen) dovrebbe essere evitato, in quanto ciò potrebbe peggiorare l'infezione.
  • i farmaci anti-tosse da banco in farmacia non sono molto efficaci e potrebbero anche avere effetti collaterali potenzialmente gravi e dovrebbero essere evitati.

Se la bronchite è di origine batterica, se l'infezione virale è infetta, il medico può, se lo ritiene necessario, prescrivere un trattamento antibiotico per alcuni giorni. Nella maggior parte dei casi, questo non sarà necessario, e dovrebbe essere evitato il più possibile per evitare di creare resistenza batterica agli antibiotici, che diventerebbe inefficace per future infezioni batteriche potenzialmente gravi.

Nella broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO), il trattamento consiste in un trattamento con broncodilatatore per via inalatoria, talvolta con trattamento antibiotico per episodi di infezione.

Nei casi avanzati con insufficienza respiratoria grave, può essere presa in considerazione l'ossigenoterapia e sarà inoltre necessario vaccinare questi pazienti ogni anno contro l'influenza e contro lo pneumococco.

Antibiotici: 5 cose da fare (non fare)!

Per proteggere la propria salute e l'ambiente, si agisce consumando meno antibiotici e consumandoli meglio. Ecco 5 consigli per ricordare di usare gli antibiotici!

Vuoi reagire, dare la tua testimonianza o fare una domanda? Appuntamento nei nostri FORUM Malattie respiratorie o ENT o Un medico ti risponde!

Per leggere anche:

> Dolore e febbre: paracetamolo, aspirina o ibuprofene?
> Antibiotici: 5 cose da fare (non fare)
> Resistenza agli antibiotici: possiamo evitarlo?
> Suggerimenti contro la tosse

Cinetosi: trattamenti Articolo Precedente

Cinetosi: trattamenti

Rinite allergica: i sintomi Articolo Precedente

Rinite allergica: i sintomi

Messaggi Popolari