sintomi

Balbuzie: quelle parole che non vogliono uscire

Blocco parole, ripetizione di sillabe, prolungamenti di suoni: balbuzie si traducono in difficoltà di espressione orale spontanea ... Questi incidenti possono essere accompagnati da movimenti involontari del viso o di tutto il corpo o persino spasmi respiratori.

La balbuzie non è una malattia, ma un sintomo. Può essere il sintomo di un:

  • patologia specifica (morbo di Parkinson, morbo di Alzheimer ...),
  • difficoltà neuro-evolutiva (come la sindrome di Tourette),
  • difficoltà psicologica (ansia, fobia sociale, ecc.)

Questo handicap colpisce circa l'1% della popolazione, con una netta predominanza di uomini, inizia più spesso tra i 3 ei 7 anni, ma colpisce anche gli adulti. Sfortunatamente, non può sempre essere risolto, ma può essere migliorato se interveniamo presto.

Alcuni fattori genetici o ambientali possono favorire la balbuzie. Durante lo sviluppo psicomotorio del bambino, la balbuzie può essere spiegata da un "blocco" cognitivo o da un problema nella maturazione di un'area molto precisa del sistema nervoso centrale: l'area linguistica.

La balbuzie è accentuata dall'emozione, dalla stanchezza, dalla paura della balbuzie o dagli sforzi fatti per nasconderlo. La balbuzie esiste solo in un contesto di comunicazione spontanea e non è innescata dal canto, dal dramma o dalla lettura.

Esistono 3 tipi di balbuzie. La balbuzie clonica è la ripetizione della stessa sillaba o fonema di una parola (spesso la prima sillaba della prima parola di una frase); La balbuzie balbuzie è un blocco nella pronuncia di certe parole, che provoca una forte tensione nelle labbra e nella mascella. Può esistere l'associazione dei 2 precedenti: la balbuzie tonico-clonica.

Vuoi reagire, dare la tua testimonianza o fare una domanda? Appuntamento nei nostri FORUM Psicologia, Neurologia o Un medico ti risponde!

Per leggere anche:

> Tic: queste azioni incontrollabili
> Tocs: disturbi ossessivo-compulsivi
> Quando portare mio figlio dallo psichiatra?
> Cervello: come funziona?

Messaggi Popolari

Categoria sintomi, Articolo Successivo

Torticollis: trattamenti - sintomi
sintomi

Torticollis: trattamenti

Se la maggior parte delle volte, è una condizione benigna che si risolve in pochi giorni - anche senza trattamento, il problema potrebbe essere più complesso. In caso di torcicollo, può essere consigliabile sdraiarsi, in modo da scaricare la colonna vertebrale del peso della testa. Aiuta ad alleviare il dolore. I
Per Saperne Di Più
Brividi: fonti e note - sintomi
sintomi

Brividi: fonti e note

Convulsioni febbrili: linee guida per la neurodiagnosi. Valutazione del bambino con un semplice attacco febbrile. Sottocomitato su convulsioni febbrili. Pediatrics. 2011; 127; 389. Informazioni online dell'Associazione professionale dei medici per le malattie interne tedesche (editore): Www.internisten-im-netz
Per Saperne Di Più
Pancia gonfia: i trattamenti - sintomi
sintomi

Pancia gonfia: i trattamenti

Se questi episodi di pancia tesa e gonfiore si ripetono regolarmente, è necessaria l'opinione di un medico. Le soluzioni e i trattamenti saranno specifici per ciascun caso, a seconda dell'origine del problema. E prima di considerare un trattamento, una diagnosi precisa deve essere fatta dal medico, perché i trattamenti dipenderanno naturalmente dalla causa.
Per Saperne Di Più
Acufene: le cause - sintomi
sintomi

Acufene: le cause

L'aspetto dell'acufene può avere diverse cause. > Può essere secondario a una patologia dell'orecchio esterno, medio o interno (otite esterna, catarro tubarico, otite sierosa, colesteatoma, ...), infettiva, infiammatoria, tumorale, patologia vascolare. > Traumi sonori come un'esplosione, uno sparo, la musica ascoltata troppo forte durante un concerto o in una discoteca sono generatori di acufeni.
Per Saperne Di Più