ADENOSCAN 30 mg / 10 ml

Farmaco generico della classe terapeutica: cardiologia e angiologia
principi attivi: adenosina
laboratorio: Sanofi-Aventis Francia

Soluzione per iniezione per infusione endovenosa
Scatola da 6 flaconi da 10 ml
Tutte le forme

indicazione

L'adenoscan per via endovenosa è un vasodilatatore coronarico destinato all'uso nella scintigrafia perfusione del miocardio quando la prova da sforzo è impossibile da eseguire o inappropriata.

Dosaggio ADENOSCAN 30 mg / 10 ml Soluzione per infusione endovenosa Confezione da 6 flaconcini da 10 ml

Adenoscan è destinato all'uso ospedaliero dove i mezzi di supervisione cardiaca e rianimazione cardiopolmonare sono immediatamente disponibili se necessario.

Deve essere somministrato come per uno stress test, sotto supervisione cardiologica avendo i mezzi di rianimazione cardiopolmonare.

Durante la somministrazione di Adenoscan, il monitoraggio continuo dell'elettrocardiogramma è necessario a causa del rischio di insorgenza di aritmie potenzialmente letali. La frequenza cardiaca e la pressione sanguigna dovrebbero essere controllate ogni minuto.

adulti:

1. Adenoscan deve essere somministrato non diluito come infusione endovenosa periferica continua alla dose di 140 μg / kg / min per 6 minuti utilizzando una pompa per infusione. Si raccomanda di somministrare Adenoscan e radiofarmaco in diversi siti di iniezione per evitare l'iniezione di adenosina.

2. Il radiofarmaco viene iniettato dopo 3 minuti di infusione di Adenoscan mentre si verifica il picco del flusso sanguigno coronarico. La vasodilatazione ottimale avviene intorno al sesto minuto dell'infusione di Adenoscan.

3. Per evitare un possibile embol di adenosina, la pressione arteriosa deve essere misurata sul braccio opposto a quello che riceve l'infusione di Adenoscan.

La tabella seguente specifica le raccomandazioni di aggiustamento della velocità di infusione per Adenoscan non diluito, in base al peso corporeo (dose totale 0, 84 mg / kg).

Peso del paziente (kg)

Tasso di infusione (ml / min)

45-49

2.1

50-54

2.3

55-59

2.6

60-64

2.8

65-69

3.0

70-74

3.3

75-79

3.5

80-84

3.8

85 -89

4.0

90-94

4.2

95-99

4.4

100-104

4.7

Popolazione pediatrica:

La tolleranza e l'efficacia dell'adenosina nei bambini di età compresa tra 0 e 18 anni non sono state stabilite. I dati attualmente disponibili sono descritti nelle proprietà farmacodinamiche, ma non è possibile formulare raccomandazioni sul dosaggio.

anziani:

Vedi raccomandazioni sul dosaggio negli adulti.

Contro indicazioni

Adenoscan è controindicato nei pazienti con le seguenti condizioni:

· Ipersensibilità al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti,

· Blocco atrioventricolare di secondo o terzo grado, disfunzione seno-atriale (malattia atriale), ad eccezione dei pazienti con pacemaker,

· Sindrome del QT lungo,

· Grave ipotensione,

· Angina instabile non stabilizzata dal trattamento farmacologico,

· Insufficienza cardiaca scompensata,

· Broncopneumopatie ostruttive croniche con broncospasmo clinico (ad es. Asma bronchiale),

· Combinazione con dipiridamolo (vedere Interazioni farmacologiche).

Effetti collaterali adenoscan

Gli effetti legati all'attività farmacologica dell'adenosina sono frequenti ma generalmente limitati e di breve durata. In caso di reazioni avverse gravi, potrebbe essere necessario interrompere l'infusione.

Metilxantine, come aminofillina IV o teofillina, sono state utilizzate per il trattamento di effetti collaterali persistenti (iniezione endovenosa lenta da 50-125 mg).

Le reazioni avverse sono classificate per organo / sistema di classe e frequenza: molto comune (> 1/10), comune (≥1 / 100, <1/10), infrequente (≥1 / 1000, <1/100), raro (≥1 / 10000, <1/1000), molto raro (<1/10000), sconosciuto (quando la frequenza non può essere stimata dai dati disponibili).

Condizioni cardiache

· Comune: ipotensione, a volte grave (vedere avvertenze e precauzioni), depressione del tratto ST, tachicardia ventricolare sostenuta o non supportata, blocco atrioventricolare (vedere avvertenze e precauzioni per l'uso) cautela e precauzioni per l'uso). L'infusione deve essere interrotta in caso di blocco atrioventricolare prolungato di secondo o terzo grado. Se si verifica un blocco atrioventricolare di primo grado, i pazienti devono essere attentamente monitorati perché, in un quarto dei casi, il blocco progredirà in misura maggiore.

· Non comune: a volte grave bradicardia (vedere avvertenze e precauzioni per l'uso)

· Frequenza sconosciuta: asistolia / arresto cardiaco (a volte fatale, specialmente nei pazienti con ischemia / disordini cardiaci sottostanti, vedere Avvertenze e precauzioni), tachicardia sinusale, fibrillazione atriale, fibrillazione ventricolare.

Disturbi del sistema nervoso

· Molto comune: mal di testa

· Comune: vertigini, sensazione di "testa vuota", parestesia

· Raro: tremore, sonnolenza

· Frequenza sconosciuta: incoscienza / sincope, convulsioni, specialmente nei pazienti predisposti (vedi avvertenze e precauzioni)

Disturbi dell'occhio

· Raro: visione offuscata

Affetti dell'orecchio e labirinto

· Raro: tinnito

Patologie respiratorie, toraciche e mediastiniche

· Molto comune: dispnea (o necessità di respirare profondamente)

· Raro: broncospasmo (vedi avvertenze e precauzioni per l'uso), congestione nasale

· Molto raro: insufficienza respiratoria (vedere la sezione Avvertenze e precauzioni per l'uso, avvertenze e precauzioni).

· Frequenza sconosciuta: apnea / arresto respiratorio

Sono stati segnalati casi di esito fatale di insufficienza respiratoria, broncospasmo e apnea / arresto respiratorio.

Disturbi gastrointestinali

· Molto comune: disagio addominale

· Comune: secchezza della bocca

· Non comune: sapore metallico

· Frequenza sconosciuta: nausea, vomito

Disturbi renali e urinari

· Raro: urgenza urgente

Disturbi vascolari

· Molto comune: rossore facciale

Patologie sistemiche e condizioni del sito di somministrazione

· Molto comune: dolore toracico o senso di oppressione, sensazione toracica stretta / oppressa

· Frequenti: disagio in gola, collo e mascella =)))))))

· Non comuni: sudorazione, disagio alle braccia, alle gambe o alla schiena, sensazione di debolezza / dolore

· Molto rari: reazioni nel sito di iniezione

Disturbi psichiatrici

· Non comune: nervosismo

Disturbi degli organi riproduttivi e del seno

· Raro: disagio al capezzolo

Messaggi Popolari