Acufene: gli esami

In occasione della visita medica, il medico cerca di oggettivare l'acufene, l'inconveniente causato, di conoscerne la frequenza (acuta, grave ...) e la loro intensità. Oltre al medico di base, potremmo aver bisogno di consultare uno specialista: un medico ORL.

Un esame dell'orecchio con un otoscopio permette di visualizzare una possibile patologia del canale uditivo esterno (una spina di cerume, un'otite esterna, ...); permette anche di vedere lo stato del timpano e di diagnosticare una possibile disfunzione della tromba di Eustachio dovuta ad esempio all'otite media (o otite sierosa o catarro tubarico) che vede un timpano anomalo, opaco o lesione.

Si può eseguire una timpanometria per oggettivare la conformità del timpano, vale a dire la sua capacità di vibrare sotto l'influenza delle variazioni di pressione. Questo esame cerca una disfunzione tubarica: se la pressione è alta dietro il timpano (a causa di un'infiammazione per esempio), tenderà a scavare nel canale uditivo esterno, se la pressione sale nel condotto uditivo esterno, sarà poco mobile, il che non è normale.
Un'audiometria viene spesso eseguita per misurare la possibile sordità associata all'acufene, per misurare la frequenza raggiunta, per quantificarne la gravità e per determinarne l'origine: sordità della trasmissione in cui le strutture in questione sono l'orecchio esterno e medio o la sordità della percezione se le strutture interessate appartengono all'orecchio interno, al nervo uditivo o all'area uditiva.

Possono essere richiesti altri test altamente specializzati per correlare l'intensità del tinnito con l'importanza della perdita dell'udito.

I potenziali evocati uditivi vengono fatti quando il medico sospetta un danno neurologico, in particolare un tumore del nervo uditivo (neuroma acustico) per esempio o un attacco dell'orecchio interno.

Se i risultati sono positivi, verrà richiesta una risonanza magnetica per confermare la diagnosi.
Nonostante una consultazione con uno specialista medico e vari esami, succede che non si trova alcuna causa.

Genu valgum: ginocchia in X Articolo Precedente

Genu valgum: ginocchia in X

Stress: le chiavi per padroneggiarlo Articolo Precedente

Stress: le chiavi per padroneggiarlo

Messaggi Popolari