Shopping compulsivo: le cause

Diverse cause possono essere la causa dello shopping compulsivo.

Una chiamata costante al consumo eccessivo

Non c'è una causa, ma diverse cause per la ripetizione dello shopping compulsivo. Come i disordini alimentari, i media e la pressione pubblicitaria hanno certamente favorito la comparsa di questo disordine di valore sociale.

È quasi impossibile non essere influenzati da una chiamata costante al consumo eccessivo! L'ondata di credito al consumo, apparsa qualche anno fa, ha solo aggiunto a questo fascino per l'acquisizione creando l'illusione di un potere d'acquisto espanso.

Non meno responsabile: la moda ad alta velocità. Lungi dal facilitare la gestione del nostro budget, ci incoraggia apertamente a comprare ... a sostituire meglio. Dalle collezioni effimere alle novità quasi settimanali, è difficile non essere tentati! Osserva il turnover sempre più rapido di tablet e altri smartphone! La sete di novità non è stimolata?

Fragilità interna

Anche se ci sono tutte le condizioni per incoraggiare gli acquisti compulsivi, non diventiamo tutti dipendenti dallo shopping. In realtà, lo shopping compulsivo si verifica spesso in risposta a un'intolleranza alla frustrazione. Questo può essere associato a una difficoltà nel gestire le emozioni e una mancanza di fiducia in se stessi, più o meno consapevole. Come le dipendenze, le cause sono quindi spesso psicologiche, anche se si presume la suscettibilità genetica.

Lo shopping compulsivo può essere il riflesso di una depressione nascosta, una ciclotimia, un blues che passa e una bassa autostima. L'oggetto ambito assume quindi il ruolo di una benda dell'anima. L'acquisizione di quest'ultimo rassicura, calma e occupa, mettendo da parte le emozioni negative.

Alcuni tratti caratteriali favoriscono anche questo tipo di comportamento. Impulsività e difficoltà nel far fronte alla frustrazione sono le principali. Agire nel momento senza premeditazione è una particolarità degli acquirenti compulsivi, e non solo nel campo dello shopping.

La dipendenza da acquisti è spesso associata ad altri disturbi psicologici come:

  • OCD (o disturbo ossessivo-compulsivo)
  • Ciclotimia: una forma atipica di bipolarità
  • Dipendenza da Internet
  • Disturbi attenti con o senza iperattività (ADD / H) negli adulti
  • depressione
  • bulimia

Gli acquisti compulsivi fanno parte delle dipendenze comportamentali (o dei comportamenti di dipendenza "privi di prodotto") insieme al gioco d'azzardo patologico, alla dipendenza da Internet e ai disordini alimentari.

L'oggetto è diverso ma il meccanismo è lo stesso. Secondo uno studio scientifico, le anomalie neurobiologiche riscontrate negli acquirenti compulsivi sono simili a quelle riscontrate nei soggetti dediti al gioco d'azzardo: tra le molecole colpite da queste alterazioni nel cervello vi è la serotonina e la dopamina.

L'acquisto compulsivo appare quindi come il punto di attrazione di una fragilità sottostante, transitoria o prolungata. E finché non abbiamo realizzato o risolto questa difficoltà nascosta, la dipendenza continuerà, vestendo goffamente la ferita.

Vuoi reagire, dare la tua testimonianza o fare una domanda? Appuntamento nella nostra FORUM Psicologia o Uno psichiatra ti risponde !

Per leggere anche:

Ciclotimia: quando l'umore va e viene
Depressione: come far fronte?
Test: soffri di un disturbo alimentare?

Fibroma: i sintomi Articolo Precedente

Fibroma: i sintomi

Allergia al sole Articolo Precedente

Allergia al sole

Messaggi Popolari